Dicembre 8, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Un liceo francese visto da un italiano

Formazione scolastica. Questa domenica, 9 ottobre e fino a questo sabato, dieci studenti delle scuole superiori italiane scopriranno Chaumont ei suoi dintorni nell’ambito di uno scambio scolastico con il Lycée de Gaulle. Una studentessa delle superiori condivide le sue opinioni sui due sistemi educativi.

Marta Avila, una studentessa italiana delle superiori, è venuta a Saumont con nove dei suoi compagni di classe nell’ambito di uno scambio. Liceo Charles de Gaulle. Questa domenica, 9 ottobre, un gruppo di studenti della città di Scortia in Sicilia ha scoperto un liceo “alla francese”, ma con il monumento a Charles-de-Calle, Le Seine, Langres e le figure iconiche dell’Illuminismo, o Digione ancora.

Pochi giorni dopo il suo arrivo, Marta Avila condivide la sua visione dell’istruzione e delle istituzioni francesi. La differenza principale sta nell’impostazione del giorno. In Italia i corsi durano più di mezza giornata. Iniziano alle 8:20 e terminano alle 13:20, con una pausa di 20 minuti alle 11:00.

“Non abbiamo lezioni nel pomeriggio. Dopo aver finito, andiamo a casa per il pranzo. Dopodiché, abbiamo tempo libero per fare i compiti, fare sport o musica”, spiega lo studente liceale italiano fluentemente francese che sta perseguendo una specializzazione linguistica.

Un liceo italiano non ha una mensa

In questo tempo libero, Marta Avila lo mette a vantaggio della pallavolo e del pianoforte. Tuttavia, osserva: “Non tutti fanno sport”. Inoltre, i compiti richiedono più tempo in Italia che in Francia. “In un grande giorno, studio dalle 15:00 alle 19:00. In un giorno normale, faccio i compiti dalle 14:30 alle 17:00. »

Se il sistema italiano permette di sviluppare le fibre sportive e artistiche degli studenti, elimina i momenti e le lacune di felicità. “In Francia mi piacciono molto i momenti di svago. A Charles-de-Gaulle ci sono molti spazi interni ed esterni per i momenti di pausa”, osserva lo studente delle superiori. Aggiunge: “Nella mia scuola non c’è mensa”. E sfumatura: “Ma abbiamo Ci sono molti laboratori per corsi di lingua, fisica o chimica”.

READ  Google ha condannato lo spyware italiano utilizzato per hackerare gli smartphone

L’apprendimento delle lingue è gratificante

Visto attraverso il prisma francese, un laboratorio per un corso di lingua sembra un po’ diverso. “Ci sono stati dati dei computer. Ci permette di ascoltare le lingue e fare diversi esercizi”, spiega lo studente delle superiori italiane, ancora in un francese evidente.

Questi laboratori possono spiegare il successo di Marta Avila nell’apprendimento del francese? È difficile da definire perché non è l’unica differenza tra i due paesi. In Italia le lezioni sono tenute da un insegnante italiano, insieme a un insegnante madrelingua del paese di lingua studiata. L’obiettivo è di essere in grado di comunicare oralmente per migliorare la pratica della lingua. Ogni settimana, Marta Avila insegna 3 ore di lezioni di inglese e 4 ore suddivise tra francese e spagnolo.

Julia Kinmard

j.guinamard@jhm.fr

Uno scambio scolastico nato dall’amicizia

“Con un insegnante del Liceo Scardia, ci siamo incontrati a Nord-Passo-di-Calais. All’epoca ero un insegnante tirocinante e lui era un assistente italiano. Siamo rimasti in contatto e abbiamo iniziato questo scambio nel 2019”, spiega Italian insegnante Cecilia Brisset-Gilbert. Liceo Charles de Gaulle. Lo scambio avviato è stato fatto deragliare dalla crisi sanitaria. Nel 2020 e nel 2021 il collegamento è stato mantenuto solo distante.

“Abbiamo mantenuto lo scambio virtuale. Abbiamo ritenuto importante avere un legame tra le due società. Quindi abbiamo preparato dei corsi congiunti. Gli studenti hanno lavorato in coppia franco-italiana. »

Se gli studenti delle scuole superiori italiane sono riusciti a trovare Chaumont quest’anno, il Covid ha continuato a interrompere il programma. “Normalmente i giornalisti dovevano visitare le famiglie degli studenti terminali, ma ci sono nuovi casi di Covid. Abbiamo dovuto prendere accordi con altri studenti delle scuole superiori che potevano accoglierli. »

READ  Sur de pas de Dante: toutes sceglie i romanzi (11/34)
Scuola superiore