Dicembre 10, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Un italiano ha contemporaneamente covid-19, vaiolo delle scimmie e HIV

Questo caso non è una sorpresa, ma è il primo documentato nella letteratura scientifica. Contemporaneamente è stato contagiato un paziente italiano di 36 anni Virus del vaiolo delle scimmieCovid-19 e HIV, lo riferisce un team di scienziati italiani in un paper pubblicato il 19 agosto Nel Giornale delle Malattie Infettive.

Questa persona è rimasta in Spagna dal 16 al 20 giugno. Nove giorni dopo, nel frattempo rientrato in Italia, soffriva di febbre alta (fino a 39°C), stanchezza, mal di testa e mal di gola. È risultato positivo al Covid-19 (variante Omicron PA.5.1) il 2 luglio, lo stesso giorno in cui ha notato la comparsa di brufoli sul braccio sinistro, e poi il giorno successivo. Piccole e dolorose vesciche su molte parti del corpo. Il 5 luglio, sempre più malato, si è recato al pronto soccorso di un ospedale di Catania.

I medici sospettarono subito che potesse aver contratto l’influenza delle scimmie, ma il paziente si trovava in Spagna, il paese europeo più colpito dall’epidemia all’epoca. I campioni prelevati il ​​6 luglio erano positivi al virus del vaiolo delle scimmie, ma negativi all’HIV. A settembre 2021 il paziente non aveva ancora effettuato il test HIV, risultato negativo.

“I sistemi sanitari dovrebbero essere consapevoli di questa possibilità”.

Il paziente è stato trattato con l’anticorpo monoclonale sotrovimab. Entro il 9 luglio, la maggior parte dei suoi sintomi era scomparsa. Tuttavia, nonostante l’assenza di nuove lesioni, due giorni dopo è risultato positivo al Covid-19 e al vaiolo delle scimmie. Il paziente è stato comunque in grado di tornare a casa, ma è stato costretto a isolarsi lì.

READ  Se non sai da dove vengono le tue cipolle, buttale via per prevenire la Salmonella, dice CDC

Gli autori concludono che “i medici dovrebbero essere consapevoli del potenziale di coinfezione con SARS-CoV-2 e virus del vaiolo delle scimmie, in particolare nei soggetti che hanno recentemente viaggiato in aree con vaiolo delle scimmie” e “Le strutture sanitarie dovrebbero essere consapevoli di questa possibilità”. . Il loro paziente soffriva di sintomi molto significativi, ma “poiché questo è l’unico caso di coinfezione con il virus del vaiolo delle scimmie, SARS-CoV-2 e HIV”, non si può dire che “questa combinazione peggiorerà le condizioni del paziente”. .

In Francia, quasi 3.000 casi di influenza delle scimmie sono stati confermati con test positivi sono stati individuati fino ad oggi. Di coloro che conoscevano il proprio stato di HIV, 385, o il 25%, aveva l’HIV.