Giugno 30, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Un funzionario russo menziona l’annessione delle terre ucraine alla Russia a luglio

Un negoziatore russo ha indicato mercoledì che i territori occupati dalla Russia in Ucraina potrebbero essere oggetto di un referendum a partire da luglio. L’obiettivo è l’annessione del territorio ucraino alla Russia.

Tempo di lettura: 2 minuti

yoI negoziatori russi sul conflitto in Ucraina hanno dichiarato mercoledì a RIA Novosti che i territori ucraini che la Russia ha occupato militarmente potrebbero tenere referendum già a luglio in vista dell’annessione.

“Non voglio fare previsioni (…), ma penso che i territori liberati terranno un referendum in una certa misura allo stesso tempo, e questo è logico”, ha affermato Leonid Slutsky, presidente della commissione Affari esteri di il governo della Repubblica dell’Iraq. La camera bassa del parlamento russo.

“Conto sul fatto che questo potrebbe accadere a luglio”, ha aggiunto il funzionario, che fa parte della delegazione russa ai negoziati di pace con l’Ucraina, paralizzati da settimane.

La Russia descrive le regioni ucraine che occupa con i suoi alleati separatisti come “territori liberati”.

Queste sono le autoproclamate repubbliche di Donetsk e Lugansk, la cui indipendenza è stata riconosciuta da Mosca e i cui leader aspirano a unirsi alla Russia, così come le regioni di Kherson e Zaporizhia nell’Ucraina meridionale, che dalla fine sono state in gran parte occupate dall’esercito di febbraio.

E le amministrazioni lì hanno imposto, ad esempio, l’introduzione del rublo russo come valuta, la concessione della cittadinanza russa alla popolazione o addirittura l’installazione di reti di comunicazione russe.

Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha insistito sul fatto che i residenti di queste quattro regioni “devono essere in grado di scegliere il proprio futuro”. “Non abbiamo dubbi che prenderanno la decisione migliore”, ha detto.



Occupando queste aree, la Russia controlla l’intera costa del Mar d’Azov, che funge da ponte terrestre che collega il territorio russo con la Crimea, che Mosca ha annesso nel 2014.



READ  "L'Europe vit le moment le plus Dangereux pour sa sécurité depuis la fin de la Guerre froide"