Febbraio 8, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

UCLouvain fa una nuova scoperta nel morbo di Parkinson

La malattia di Parkinson è stata finora studiata in un modello classico che si concentra sui gangli della base, strutture cerebrali profonde che sono colpite precocemente nella neurodegenerazione e che sono importanti nella regolazione delle capacità motorie volontarie.

Emmanuelle Wilhelm, dottoranda presso l’Institute of Neuroscience dell’UCLouvain e assistente neurologa presso Cliniques Universitaires Saint-Luc, spiega il nuovo metodo. “Da qualche tempo, stiamo cercando di indagare sulla patofisiologia della malattia al di fuori di queste strutture profonde del cervello”, spiega. “La letteratura scientifica indica anche, nei pazienti con malattia di Parkinson, cambiamenti sostanziali nel funzionamento della corteccia motoria primaria, che è la regione del cervello che controlla i nostri movimenti”.

Un’altra parte del percorso avanzato è in argomenti di salute. Sembra che quando una persona sana si sta preparando per un movimento volontario, il suo sistema motorio è inibito prima che il movimento sia raggiunto.

I ricercatori del team CoActionsLab dell’UCLouvain si sono posti una domanda sulla base di queste osservazioni: i cambiamenti nella corteccia motoria primaria potrebbero essere correlati a difetti nei meccanismi inibitori osservati nelle persone sane? L’impossibilità di movimenti rapidi nelle persone con malattia di Parkinson può quindi essere spiegata.

“Nel nostro studio, siamo stati in grado di evidenziare una mancanza di inibizione del sistema motorio durante la preparazione delle procedure nelle persone con malattia di Parkinson, rispetto a un gruppo di controllo”, si rallegra Emmanuelle Wilhelm. “Questo apre una nuova area per l’elaborazione della corteccia motoria primaria, che finora è stata sviluppata molto poco”.