Agosto 12, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Uccidere cavalli: cosa sappiamo della persona in custodia di polizia

“Il giudice istruttore ha deciso di prolungare la detenzione attualmente in corso da questa mattina (mercoledì) alle 8:05”, ha scritto su Twitter a tarda notte il procuratore di Annecy Line Bonnet.

Quest’ultimo aveva indicato mercoledì mattina che l’arresto della polizia era finalizzato a “svolgere i controlli di orario” e “perquisire” questa persona, la cui identità non è stata rivelata.

Di fronte ad alcuni giornalisti che mercoledì sera lo stavano aspettando davanti alla gendarmeria di Chambéry, il suo avvocato Jean-Christophe Basson Elaraby ha spiegato che si tratta di un testimone assolto nel 2015. Secondo il consiglio, la sua guardia mostrata era “ingiustificata” “perché quest’ultimo era “sempre desideroso di partecipare a mostrare la verità”” .

Quest’uomo, ha detto, “sta vivendo le ore più buie della sua vita”. “E’ un uomo che riesce a sopravvivere, rimane solido, ma è in preda al terrore, a causa di un errore giudiziario. Ha la sensazione di nuotare in mezzo a Kafka”.

Diversi giornali, tra cui Le Dauphiné Libéré, riferiscono che il sospetto interrogato è un motociclista assolto nel 2015 dopo essere stato ricercato per due anni, ma il pubblico ministero, contattato giovedì dall’AFP, non ha voluto confermare queste informazioni, chiamando come giorno prima sulla “cautela” in questa materia.

Ma ha confermato che l’uomo arrestato da mercoledì mattina era tra i quattro testimoni “messi nella situazione” e la loro tempistica in base alle loro testimonianze sul luogo della tragedia poco più di tre mesi fa.

immagine Android

Il caso del “massacro di Shuvalin” ha già portato a migliaia di ore di indagini e udienze, tonnellate di documenti stracciati e quattro arresti, senza ancora chiarimenti. È uno dei grandi misteri legali che ha tenuto la Francia con il fiato sospeso negli ultimi 50 anni.

READ  La guerra in Ucraina: la Russia impone nuove sanzioni ai Paesi europei

Il 5 settembre 2012, un cittadino britannico di origine irachena di 50 anni, Saad Al-Hilli, sua moglie di 47 anni e sua suocera di 74 anni sono state trovate morte, con più proiettili alla testa . In macchina su una strada di campagna vicino a Chevaline, non lontano dal lago di Annecy.

Una delle figlie della coppia Al-Hilli è rimasta gravemente ferita mentre la seconda, avvolta sotto le gambe della madre, è miracolosamente scampata all’uccisione illesa. Anche un ciclista della zona, Sylvain Molière, 45 anni, potenziale vittima collaterale, è stato ucciso a colpi d’arma da fuoco.

Nel corso dei fatti giornalieri degli agenti del National Forest Bureau, il motociclista ha agito a lungo come il principale sospettato in questo caso insolito.

Il fatto di non aver mai denunciato le autorità ha sollevato forti sospetti sul suo possibile coinvolgimento nell’omicidio. A più di un anno dalla tragedia, nel novembre 2013, la gendarmeria ha rilasciato una foto del suo robot, confermando che il suo elmo è molto raro, con meno di 8000 copie vendute in questo modello.

I gendarmi finalmente risalgono al motociclista reale individuando 4.000 numeri di cellulare che hanno fatto scattare uno dei relè di telefonia mobile situati vicino alla scena del crimine. Le immagini televisive a circuito chiuso hanno permesso di fare riferimento a queste indagini.

In risposta a una domanda dei GIP nel febbraio 2015, l’uomo, un uomo d’affari della zona, ha spiegato di essersi recato sulle rive del lago di Annecy per praticare il parapendio.