Cava de' Tirreni Cronaca EVIDENZA

Uccide la moglie e tenta il suicidio. Dramma a Cava de’ Tirreni

Uccide la moglie

Tragedia familiare a Cava de’ Tirreni. Una furiosa lite tra moglie e marito è finita nel sangue. E’ accaduto questa mattina in località Petrellosa di Sant’Anna, dopo le otto, presso l’abitazione della coppia.
Secondo le prime notizie, i due avevano problemi da tempo e i vicini li sentivano spesso litigare. Lo stesso sarebbe accaduto questa mattina, ma la lite si è trasformata in dramma. L’uomo, S.S.,  un 49 enne, di professione parrucchiere, sembra abbia colpito la moglie, N.M., di 41 anni, con un coltello, uccidendola, al termine dell’ennesimo furioso litigio. L’uomo, resosi conto del gesto, sembra abbia rivolto l’arma contro di sé, provocandosi profonde ferite all’addome. Sul posto sono intervenuti i carabinieri della tenenza di Cava de’ Tirreni e del reparto radiomobile di Nocera Inferiore, allertati dai familiari della coppia che si trovavano nel cortile dell’abitazione con i tre figli dei due coniugi, non potendo immaginare che il litigio questa volta avrebbe avuto simili conseguenze. Il pronto intervento dei sanitari accorsi sul posto non sé servito a salvare la donna, mentre l’uomo è stato trasportato d’urgenza presso il pronto soccorso dell’ospedale Santa Maria dell’Olmo di Cava de’ Tirreni. Gravi le sue condizioni a causa delle profonde ferite all’addome e ai polmoni. Secondo le prime ricostruzioni alla base dei continui litigi ci sarebbero vecchie ruggini familiari mai sanate. Nella notte, sul profilo Fb l’uomo ha pubblicato un post che lascia ora sbigottiti: “la famiglia è la cosa più importante del mondo”.

Vuoi ricevere gli aggiornamenti gratuiti da laRedazione.eu ?

E' facile, semplice e gratuito. Cosa aspetti? Unisciti agli altri lettori

laRed TV


ONAIR DALLE 12 ALLE 22

invia le tue segnalazioni al:

G+

Per continuare ad usare questo sito, devi accettare la politica di uso dei Cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi