Agosto 10, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Tunisia: Il gesto di conservazione del binomio italo-tunisino della droga

Si tratta di relazioni secolari che sono solide nonostante le differenze o gli alti e bassi. Dopotutto, mantengono una caratteristica di base; Cementarli; Quello dell’unità. Le relazioni tra Tunisia e Italia sono in linea con questo. Il paese di origine ha costantemente dimostrato di essere stato e sarà con i vicini tunisini quando necessario. Questo è evidente a livello politico-diplomatico: Moez Sinaoui primeggia come ambasciatore a Roma e Lorenzo Fanara coordina il più possibile la sua collaborazione con le autorità di Tunisi. Ma, soprattutto, questo vale anche a livello di operatori privati. La parte nascosta di un ghiacciaio fa le cose con saggezza, ma in modo così efficiente.

In questo senso, ci sono queste storie di vita che sono ipnotizzanti. Ulteriore. Ridonano speranza. Il meglio. Creeranno sicuramente dei modelli di ruolo.

Questa impresa umana di un laboratorio farmaceutico italiano è recente, Chiesi non ne ha parlato. Gli italiani operano in Tunisia da 30 anni attraverso un rappresentante locale esclusivo; Escalapius Info Pharma; È stata organizzata una “operazione di commando” per assistere due ragazze, di 10 e 5 anni, che soffrivano rispettivamente di alfa monocitosi. Per una malattia rara (una su 500.000 casi), il costo del trattamento è semplicemente sbalorditivo. Anche la CNAM, nonostante la buona volontà delle sue truppe, non riuscì a risolvere la situazione con le mani legate.

Sembrava una “ferita” ai genitori di questi bambini, e il rappresentante del CC in Tunisia lo ha reso possibile. I tunisini di Sisi portarono i loro parenti su entrambe le sponde del Mediterraneo. Obiettivo raggiunto: il settore internazionale del CC Group e il suo amministratore delegato per i paesi emergenti hanno sostenuto questa iniziativa. Supportandolo moralmente e finanziariamente. La speranza era la parola chiave! Con forti livelli di astuzia, ingegno ed energia eccessiva, l’impossibile è raggiunto. Cambio di prova! Per la gioia dei vari protagonisti, genitori, figli e la professione medica, il risultato è stata la gioia, il profumo della liberazione. Il 24 maggio 2022 è una pietra miliare per una famiglia sull’orlo della disperazione: può iniziare l’assistenza permanente. In questo caso il trattamento sarà effettuato e seguito presso il Policlinico di Rabta. Del resto, dopo la prima diagnosi nel 2013, si è ridisegnato un sorriso sul volto di una famiglia che aveva vissuto questo felice pre-sacrificio di Eblock.

READ  Un Italian Tent Fire Fire Vaccine contiene Coronavirus su un finto reggiseni in silicone