Luglio 6, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Trump ha espresso le sue “bugie” sulle elezioni del 2020 nonostante gli avvertimenti dei suoi lealisti

Ha affermato Zoe Lofgren, il membro eletto dai democratici di questo comitato che cerca di evidenziare la responsabilità del miliardario repubblicano nell’attacco al Congresso degli Stati Uniti da parte dei suoi sostenitori il 6 gennaio 2021.

Dopo quasi un anno di indagini, questo gruppo di funzionari eletti ha fornito un resoconto accurato delle manovre dell’ex presidente tra la sera delle elezioni presidenziali e l’attacco a Capitol Hill.

L’avvocato di Trump “ubriaco”

Poche ore dopo la chiusura delle urne il 3 novembre 2020, Joe Biden e Donald Trump sembravano essere all’erta. “Era chiaro che le elezioni non sarebbero state decise quella notte”, ha detto Ivanka Trump, la figlia dell’ex presidente e uno dei suoi consiglieri più stretti all’epoca, in una testimonianza rilasciata lunedì dal comitato.

Tuttavia, poco prima delle 2:30, Donald Trump è apparso davanti alla televisione americana dai salotti della Casa Bianca. “Sinceramente, abbiamo vinto le elezioni”, dice, anche se il conteggio è ancora in corso.

“Era troppo presto per prendere quel tipo di decisione”, ha detto il responsabile della campagna di Donald Trump, Bill Steppin, a questo gruppo di funzionari eletti.

Chi è l’unico che ha incoraggiato il presidente nel suo approccio quella sera? Il suo avvocato personale, Rudy Giuliani, che uno dei consiglieri del presidente ha detto in una testimonianza davanti al comitato era “chiaramente ubriaco”.

Il presidente “arrabbiato”.

Il 7 novembre 2020, poco prima delle 11:30, Joe Biden è stato dichiarato vincitore. Lo stesso giorno, il responsabile della campagna elettorale di Donald Trump ha partecipato a un incontro con il presidente uscente. “Gli abbiamo detto quella che pensavamo fosse la sua possibilità di vincere a questo punto (…), che probabilmente c’era una probabilità del 5 o 10 percento” di vincere, spiega Bill Steppin.

READ  Francia: martedì Eric Zemmour annuncerà la sua candidatura alle elezioni presidenziali

Stebbin afferma che il presidente “si stava arrabbiando sempre di più”. Il leader decide di cambiare le sue squadre per circondarsi delle persone che lo supportano nella sua crociata.

Il 19 novembre, questo nuovo team legale tiene una conferenza stampa molto sconcertante. Sidney Powell, uno degli avvocati di Donald Trump, accusa Venezuela, Cuba e i Democratici di aver orchestrato una cospirazione elettorale.

Rudy Giuliani da parte sua ha denunciato la “sfacciata cortina di ferro della censura”. Sotto il calore delle luci, un liquido marrone, una tintura per capelli, inizia a gocciolarle sulle tempie.

“Senza senso”

Quattro giorni dopo, il procuratore generale Bill Barr ha visitato la Casa Bianca. “E’ stato un po’ imbarazzante”, ha detto il ministro in una videocassetta trasmessa dalla commissione lunedì.

In diverse occasioni, ha detto, i due uomini insieme hanno esaminato presunte frodi elettorali introdotte da Donald Trump. “Sciocchezze”, secondo il ministro della Giustizia, che si dimetterà il 14 dicembre.

Il comitato ha affermato che il mese successivo Donald Trump e il suo entourage avrebbero continuato a dire “queste bugie” sulla frode elettorale per la raccolta di fondi. Ha rivelato che il suo team della campagna inonderà i suoi sostenitori con dozzine di e-mail al giorno e raccoglierà 250 milioni di dollari tra il giorno delle elezioni e il 6 gennaio 2021.

“La grande bugia è stata anche una grande frode”, ha criticato Zoe Lofgren, nota per aver lavorato all’impeachment di tre presidenti davanti al Congresso: Richard Nixon, Bill Clinton … e Donald Trump.

L’ex inquilino della Casa Bianca aveva denunciato ancora una volta questa inchiesta parlamentare, definendola una “caccia alle streghe”, che, secondo lui, “è una vergogna per l’America”.

READ  Divano nuovo? Ursula von der Leyen à nouveau snobée par un ministre ougandais devant Charles Michel, impassibile

Nel corso delle prossime quattro udienze, la cosiddetta commissione “6 gennaio” continuerà a presentare i suoi risultati nell’anno delle indagini, mettendo Donald Trump al centro del “tentato colpo di stato”.

Il procuratore generale degli Stati Uniti Merrick Garland, che ha confermato che seguiranno “tutte le udienze” di questo comitato, ha promesso lunedì che tutti i rappresentanti saranno ritenuti responsabili il 6 gennaio 2021, “qualunque sia il loro grado, posizione e se fossero presenti o meno” durante il assalto al Campidoglio.