Attualità Campania Salerno

Treno Verde di Legambiente a Salerno, premiati i campioni dell’economia circolare

treno verde

Il Treno Verde a Salerno. Legambiente premia otto  aziende campane con il titolo di “Campioni dell’Economia Circolare”

 Il Treno Verde di Legambiente è a Salerno. Il tronco 3 della stazione ferroviaria è occupato da un lungo convoglio colorato, dove sono stati premiati, nella giornata di giovedì 9 marzo, i Campioni dell’Economia Circolare della Campania.

Hanno preso parte alla premiazione: Manuela Cardarelli, portavoce Treno Verde; Michele Buonomo, presidente Legambiente Campania; Giorgio Zampetti, responsabile scientifico Legambiente; Eva Avossa, vicesindaco di Salerno; Angelo Caramanno, assessore all’ambiente e allo sport del Comune di Salerno.

Il Treno Verde è il convoglio ambientalista di Legambiente e Ferrovie dello Stato Italiane.

Realtà realizzata con la partecipazione del Ministero dell’Ambiente e Tutela del Territorio e del Mare. Il treno sarà presente in stazione fino all’11 di marzo per proseguire il suo viaggio verso Pescara. Un viaggio lungo i binari della Penisola per raccontare questa nuova economia, per promuovere la sostenibilità che parte dal basso, diffondere l’informazione scientifica e per dar voce ai tanti protagonisti, (aziende, start-up, istituzioni, associazioni e territori), ribattezzati i Campioni dell’economia circolare .

Destinazione finale del messaggio portato dai Campioni è Bruxelles, dove è in corso la discussione per l’approvazione del pacchetto europeo sull’economia circolare.

Otto le  imprese campane che hanno adottato la pratica dell’economia circolare e che hanno ricevuto una simpatica medaglia realizzata con The Breath; un innovativo tessuto in grado di assorbire e disgregare le molecole inquinanti. Aziende che riciclano e restituiscono a nuova vita ciò che altrimenti finirebbe in discarica, realtà che trasformano gli scarti di lavorazione in materie prime da immettere nuovamente nel processo produttivo, aziende certificate biologiche, progetti di bioedilizia realizzati con piante spontanee, progetti con finalità sociali realizzati grazie al recupero di vecchi pc che, rigenerati, abbandonando il loro destino di possibili RAEE.

A essere premiate le realtà: RICREA- Consorzio Nazionale per il Riciclo e il Recupero degli Imballaggi, Rete per il Packaging Sostenibile 100% Campania, A&C EcotechNaturalmente colore, Azienda Agricola Palmieri Antonio “Tenuta Vannulo”Gica Design, ErreplastPapa srl.

Ha concluso la cerimonia di premiazione Maurizio Capone, leader di una una band nata dall’idea del riciclo creativo.

Al suono di un bidone di plastica raccolto ai bordi della strada che porta all’Italsilder di Bagnoli, tubi di plastica, barattoli di vetro e banda stagnata ha regalato ai partecipanti una simpatica jam session al suono del riciclo creativo.

“Mentre in Europa è centrale il dibattito sull’economia circolare, in Campania finalmente un cambio di passo rispetto al passato è stato compiuto – afferma Michele Buonomo, presidente Legambiente Campania – La Regione, infatti, da qualche mese ha approvato l’aggiornamento del Piano sui Rifiuti urbani – PRGRU con una proposta che sembra decisamente più coerente con i principi e le disposizioni sovraordinati declinati dalle direttive comunitarie e dalle norme nazionali in materia di rifiuti. L’auspicio è indubbiamente che ciò possa costituire l’avvio al definitivo epilogo della vicenda dell’emergenza rifiuti in Campania. Una regione che ostinatamente si è data da fare per fare bene, tanto da risultare la più virtuosa dell’intero mezzogiorno e con performances migliori sul fronte della raccolta differenziata anche rispetto a regioni del Centro Nord”.

Proprio in Campania, secondo i dati del Conai, nel territorio provinciale di Salerno, nel 2015, sono state raccolte 72.093 tonnellate di rifiuti di imballaggio (in acciaio, alluminio, carta, legno, plastica e vetro).

In più, il riciclo dei rifiuti di imballaggio ha permesso a Salerno e ai comuni della provincia di beneficiare, nello stesso anno, di 8,7 milioni di euro di corrispettivi per i maggiori oneri derivanti dalla raccolta differenziata degli imballaggi.

 

 

 

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Per continuare ad usare questo sito, devi accettare la politica di uso dei Cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi