Attualità EVIDENZA

Si avvicina la tredicesima: a chi spetta?

la red tredicesima a natale

E’ tempo di gratifiche natalizie il mese di dicembre dove quasi tutti i lavoratori dipendenti ed i pensionati riscuotono la tanto attesa tredicesima mensilità.

Le previsioni 2016-2017 sulla tredicesima, però, non sono uguali per tutti; vediamo allora come funziona la maturazione della tredicesima per le principali categorie di lavoratori e per i pensionati.

  • per i dipendenti, difatti, la maturazione di questa mensilità aggiuntiva è differente a seconda del contratto collettivo applicato; anche il pagamento può avere scadenze diverse, a seconda degli accordi; Se il lavoratore ha un contratto a tempo parziale orizzontale, cioè presta servizio in tutte le giornate lavorative, ma per meno ore rispetto all’orario ordinario (normalmente pari a 8 ore al giorno), i ratei di tredicesima maturano per intero. Se il lavoratore, invece, ha un contratto di part time verticale, cioè presta servizio a tempo pieno, ma per un numero minore di giornate, settimane o mesi, oppure se ha un contratto misto, valgono le stesse regole applicate nel caso in cui il lavoratore sia assunto o licenziato nel corso del mese; Non spetta ai co.co.co., cioè ai lavoratori parasubordinati (collaboratori coordinati e continuativi), in quanto questi, a differenza dei dipendenti, non sempre ricevono uno stipendio mensile e, a prescindere dalla cadenza con cui viene corrisposta la retribuzione, non esistono norme o contratti collettivi che ne prevedano l’obbligatorietà.
  • per i pensionati, la spettanza della tredicesima spetta a tutti, a prescindere dal reddito. Tuttavia, per “pensionati” la legge intende coloro che percepiscono una prestazione previdenziale, basata sui contributi versati nell’arco della vita lavorativa: chi percepisce prestazioni di assistenza, legate alla condizione di bisogno dell’interessato e non ai contributi versati, riceve il trattamento solo per 12 mensilità. È il caso di chi ha diritto all’assegno di accompagnamento. Per chi percepisce la disoccupazione, la tredicesima non spetta, “formalmente”. In pratica, la Naspi, la nuova indennità di disoccupazione, viene calcolata in base all’imponibile medio degli ultimi 4 anni: nell’imponibile medio rientrano anche i ratei di tredicesima e quattordicesima, quindi è come se, “sostanzialmente”, le mensilità aggiuntive venissero comunque pagate nella disoccupazione. Quello che manca è l’erogazione di una doppia indennità nel mese di dicembre.

 

 

 

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Per continuare ad usare questo sito, devi accettare la politica di uso dei Cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi