Novembre 28, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Tre quebecchesi su quattro sono insoddisfatti della gestione sanitaria del governo del Legault

Con timori epidemici in passato, quasi tre abitanti del Quebec su quattro (73%) si sono dichiarati insoddisfatti della gestione del sistema sanitario da parte del governo provinciale, secondo i risultati di un sondaggio di Angus Reed, pubblicato la scorsa settimana.

Secondo Sober, i Quebec non sono mai stati insoddisfatti della gestione di questo campo dall’inizio del mandato CAQ. Anche la maggioranza che intende votare per dare un secondo mandato all’attuale governo (57%) si dice insoddisfatta dell’amministrazione sanitaria. Questa percentuale scende al 25% per coloro che intendono votare per il Parti Québécois, al 18% per il Québec Solidaire, al 6% per i liberali e al 3% di coloro che intendono votare per il PCQ.
“La salute è qualcosa che i canadesi tengono da costa a costa”, ha detto il presidente dell’Angus Reed Institute Shashi Corll in un’intervista a CTV News. “E sono profondamente insoddisfatti del modo in cui i loro governi regionali stanno affrontando questo importante fascicolo”.
Il sondaggio rivela anche che i canadesi in tutto il paese classificano la salute tra i primi tre problemi regionali. Solo l’aumento del costo della vita è quello che preoccupa maggiormente. In Quebec, la crisi climatica segue queste due questioni.
“I governi di contea stanno segnalando attraverso le loro parole e azioni (come la revoca degli stati correlati al COVID-19) che la pandemia è finita”, ha aggiunto la signora Curll. “Quindi non sorprende che i loro elettori stiano iniziando a aspettarsi cure mediche primarie affidabili e accessibili almeno come lo erano prima della pandemia, se non di più”.