Giugno 30, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Tre giorni senza elettricità a Cap Sante

Trenta clienti sono rimasti senza elettricità per il terzo giorno, martedì a Cap Sainte, dopo un temporale che era già passato alla storia dei grandi fenomeni meteorologici che hanno colpito il Quebec.

Se la maggior parte dei capsantine ha esaurito l’elettricità come molti altri Quebecer alle 18:45 di sabato, la maggior parte di loro ha trovato l’elettricità la domenica sera.

Ma la storia è diversa per alcuni residenti di Vieux-Chemin, che sono ancora senza elettricità 72 ore dopo aver allevato il latte materno. Nonostante gli sbalzi d’umore di quest’ultimo, le persone che abbiamo intervistato hanno mantenuto il morale alto.

La rottura di un albero nella proprietà di Gilles Frenette ha provocato una reazione a catena nella pittoresca strada.

Il motivo del continuo crollo: nella proprietà di Gilles Frenette a Vieux-Chemin a Cap-Santé, è stato distrutto un acero di 80 anni.  Il palo dell'Hydro-Quebec era attaccato all'albero.  Poi i due caddero sul pilastro dall'altra parte della strada.  Il 24 maggio a mezzogiorno, le squadre del New Brunswick hanno già piantato due nuovi pali.  Sul posto erano presenti anche trasformatori.  Ma i fili erano ancora appesi.

Fotografia di Martin Lavoie

Il motivo del continuo crollo: nella proprietà di Gilles Frenette a Vieux-Chemin a Cap-Santé, è stato distrutto un acero di 80 anni. Il palo dell’Hydro-Quebec era attaccato all’albero. Poi i due caddero sul pilastro dall’altra parte della strada. Il 24 maggio a mezzogiorno, le squadre del New Brunswick hanno già piantato due nuovi pali. Sul posto erano presenti anche trasformatori. Ma i fili erano ancora appesi.

“Si tratta di un acero di 80 anni che è stato attaccato a un palo dell’idro-Quebec. Quando l’albero si è rotto, sono caduti su un palo dall’altra parte della strada”, ha spiegato Frenet.

Martedì pomeriggio i fili erano ancora appesi. Sono stati inseriti nuovi pali ei trasformatori sono stati posati a terra in attesa dell’installazione.

Aiuto dal New Brunswick

“Ho visto cinque squadre qualificarsi. Le prime due hanno detto di non avere l’attrezzatura, la terza ha installato i pali e la quarta ha detto ‘Transformers'”, ha spiegato Luc Bellerin.

READ  La lunga strada per il rapido successo dell'RNA messaggero

Ha anche notato che erano lavoratori del New Brunswick e che Énergie NB Power aveva già inviato squadre in Quebec a causa dell’enormità della sfida.

Il relitto è stato trascinato lungo la rampa della barca Cap-Santé, a livello della banchina, indicando la forza della tempesta.

Fotografia di Martin Lavoie

Il relitto è stato trascinato lungo la rampa della barca Cap-Santé, a livello della banchina, indicando la forza della tempesta.

Alcuni residenti di questa arteria che Globo e posta Già descritta come una delle 10 strade più belle del paese del Canada, è alimentata dai pali della Route 138. La casa del signor Pelletier è senza elettricità, ma il suo garage è collegato all’arrondissement 138.

“Ho installato delle prolunghe dalla casa al garage per il frigorifero e il congelatore. Posso quindi ricaricare il telefono di mia figlia di 13 anni, perché altrimenti è la morte”, ride Good Living.

giganteschi crolli

Non lontano, la residenza di Francine Brousseau si affaccia sulla scogliera. Al culmine della tempesta, la maestosa quercia si è frantumata e la maggior parte è caduta sotto il santuario, proprio sulle sbarre CN. Fortunatamente qualcuno ha avuto la mente di chiamare i servizi di emergenza sanitaria.

Una vecchia quercia di Francine Brousseau vista dal suo vicino Henri Renfret

Fotografia di Martin Lavoie

Una vecchia quercia di Francine Brousseau vista dal suo vicino Henri Renfret

Secondo il suo vicino, Henry Renfret, l’albero aveva 250 anni. Montato sul lato della scogliera, Rinfret aveva un posto in prima fila per vedere la tempesta.

“Non l’avevo mai visto prima. Ho visto arrivare nuvole nere. Poi i detriti hanno iniziato a sbattere contro le finestre. Ha stimato che è durato 30 minuti, ma il più forte a circa cinque minuti”.

Conservare il contenuto del frigorifero e del congelatore aggiungendo regolarmente del ghiaccio.

Secondo Hydro-Quebec, il servizio doveva essere ripristinato intorno alle 22:00 di martedì.

La vecchia quercia di Francine Brousseau, da Vieux-Chemin a Cap-Santé, eruttò durante una tempesta.  L'albero prima della tempesta

Foto per gentile concessione di Francine Brusseau

La vecchia quercia di Francine Brousseau, da Vieux-Chemin a Cap-Santé, eruttò durante una tempesta. L’albero prima della tempesta

Il droghiere lo assaggia

Oltre al taglio che ha colpito Vieux-Chemin, gli abitanti di Cap-Santé, Portneuf, Pont-Rouge e Saint-Basile sono rimasti senza elettricità per un giorno o due.

Quasi venti colonne sono state demolite intorno alla sottostazione di Leneuf de Saint-Basile, che trasmette e distribuisce elettricità dalle linee ad alta tensione.

Il trambusto di martedì è stato intorno alle 11 al mercato delle imitazioni di Saint-Basile, rimasto senza elettricità per 40 ore, per riportare sugli scaffali gli alimenti congelati e refrigerati.

“Sobeys ci ha inviato due rimorchi refrigerati. Ma abbiamo comunque perso carne a causa della data di scadenza e cibi congelati come i frutti di mare che erano stati scongelati”, ha affermato il proprietario Luc Gauthier.

Quest’ultimo non ne ha fatto un dramma nonostante le perdite e le lunghe ore di lavoro trasportando tutto il cibo sui rimorchi e riportandolo sugli scaffali.

A peggiorare le cose, uno dei quattro motori che dovevano raffreddare i suoi rack abbandonò lo Stealth prima dell’enormità del compito.

Il signor Gauthier è riuscito ad aprire in caso di disastro per quattro ore lunedì dalle 14:30 alle 18:00.

READ  Cambodge : il ministero della Sanità precedente l'aumento delle infezioni nella variante Omicron | Internazionale

“A parte un cliente ribelle, le persone erano molto comprensive. Ho persino avuto clienti che si sono offerti di aiutarci. È stato molto apprezzato”, ha aggiunto la persona che deve affrontare la carenza di manodopera.