Agro Nocerino Cronaca EVIDENZA

Trasfusione killer al Ruggi: l’Azienda Ospedaliera risarcirà i familiari

Trasfusione killer al Ruggi di Salerno nel 2009. Dopo un lungo iter giudiziario, il Tribunale condanna l’Azienda Ospedaliera al risarcimento.

Una lunga battaglia giudiziaria per un grave errore medico avvenuto nel 2009. Una trasfusione killer costò la vita a Gerardo Fasolino.

Dal 2011 la famiglia, rappresentata e difesa dall’avvocato Gaetano Maiorino, è stata protagonista di un complesso procedimento contro l’Azienda Ospedaliera San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona.

Proprio nel nosocomio salernitano nel 2009 dopo sei ore di agonia, Gerardo Fasolino perse la vita a causa di un grave errore medico. La vittima, ricoverata per un intervento di routine, subì un grave shock emofiliaco. Fu causato da una reazione acuta causata dalla trasfusione di sangue di gruppo non compatibile.

Ci fu dunque un grossolano errore del personale sanitario che, inopinatamente, invertì sacche di plasma destinate a pazienti ricoverati in reparti diversi.

Il Tribunale di Salerno, a conclusione di un articolato iter processuale, ha quindi riconosciuto la responsabilità dell’Azienda Ospedaliera. Accolta dunque la domanda di risarcimento per danno non patrimoniale e da perdita del rapporto parentale proposta dall’avvocato Gaetano Maiorino.

La vicenda è risultata ancor più complicata: il Ruggi, costituendosi in giudizio, ha confermato di non essere provvisto, all’epoca dei fatti, di copertura assicurativa a garanzia di tali rischi. Pertanto, dovrà risarcire i familiari della vittima in via diretta.

L’ennesima pronuncia favorevole garantirà dunque ai congiunti del signor Fasolino un parziale ristoro per la perdita subita e le sofferenze patite.

Per continuare ad usare questo sito, devi accettare la politica di uso dei Cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi