Maggio 17, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Texas: 10:00 Sinagoga Crisi degli ostaggi

I quattro ostaggi sono stati rilasciati illesi. Il rapitore è morto.

Il governatore del Texas Greg Abbott ha annunciato in precedenza che tutti gli ostaggi erano stati rilasciati illesi.

Secondo i giornalisti presenti sulla scena, una potente esplosione e spari sono esplosi nella sinagoga poco prima dell’annuncio del signor Abbott.

Poche ore prima, mentre si svolgevano difficili trattative tra la polizia e il rapitore, il primo ostaggio è stato rilasciato illeso.

ABC News, citando una fonte del sito, ha riferito prima del rilascio del primo ostaggio che il sospetto era armato, che teneva quattro persone, incluso un rabbino, e che avrebbe piazzato bombe in luoghi sconosciuti.

La presa di ostaggi è avvenuta nella sinagoga dei fedeli di Beth Israel a Colleville, una cittadina di circa 23.000 persone alla periferia di Dallas.

Il sospettato affermava di essere il “fratello” di Afia Siddiqui

La voce di un uomo arrabbiato si sentiva a volte nel servizio religioso trasmesso in diretta su Facebook, dopo essere stato consultato dall’AFP prima che fosse interrotto.

“C’è qualcosa che non va in America”, aveva chiamato quell’uomo in particolare.

Ha anche detto: “Sto per morire” e ha chiesto ripetutamente a un chiamante sconosciuto di essere sua “sorella” al telefono.

Secondo ABC News, la sospettata ha affermato di essere il “fratello” di Aafia Siddiqui, la scienziata pachistana che è stata condannata nel 2010 da un tribunale federale di New York a 86 anni di carcere per aver tentato di sparare ai soldati americani mentre era detenuta in Afghanistan. Il canale, citando un funzionario che conosceva la questione in condizione di anonimato, ha dichiarato che ne chiedeva il rilascio.

READ  Relitto dell'esercito americano nella seconda guerra mondiale ritrovato dopo 77 anni: 'appena scomparso' (FOTO)

Afia Siddiqui è attualmente detenuta in un ospedale carcerario a Fort Worth, vicino a Dallas.

Ma gli esperti hanno sottolineato che la parola usata dall’uomo in lingua araba è una parola figurativa e significa “sorella” nella fede islamica.

Il suo avvocato Afia Siddiqui ha detto alla Galileus Web che “non era affatto coinvolta” nella presa di ostaggi. Ha confermato che l’uomo non è il fratello della signora Seddiqi, sottolineando che il suo cliente condanna queste azioni.

La polizia di Colville ha evacuato i residenti nelle vicinanze e ha chiesto al pubblico di evitare la zona.

Comunità ebraica colpita

L’agente speciale dell’FBI Matt Desarno ha affermato che l’FBI, la polizia federale statunitense, ha aperto un’indagine sul dirottatore, la cui identità è stata identificata, senza rivelare il nome del sospettato deceduto.

Questo incidente ha colpito profondamente la comunità ebraica negli Stati Uniti.

Elaine Smith, un’adoratrice della sinagoga, ha descritto la situazione alla CNN come “spaventosa e spaventosa”. Ma ha detto di non essere sorpresa che l’attacco abbia preso di mira la comunità ebraica.

“L’antisemitismo è aumentato di recente”, ha detto. “Ti senti quasi senza speranza.”

“Nessuno dovrebbe aver paura di riunirsi nel proprio luogo di culto”, ha affermato il Council on Jewish Community Relations con sede a San Francisco.

“Chi mi odia oggi, ti odierà domani. Quindi potrebbe iniziare con gli ebrei, ma non si fermerà con gli ebrei”, ha avvertito Joseph Potasnik, vicepresidente del consiglio dei rabbini di New York.