Agosto 7, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Test – Fire Emblem Warriors Tre speranze: un matrimonio quasi completo

Nintendo e Koei Tecmo continuano la loro collaborazione per convertire alla formula alcune licenze del colosso dei videogiochi Musò Così caro agli sviluppatori di Omega Force. Questa volta è Fire Emblem a firmare di nuovo per Warriors, il che si rivela molto interessante e molto vicino nello stile.

Tra l’impressionante catalogo di licenze di cui dispone Nintendo, due sono recentemente passate a Koei Tecmo: The Legend of Zelda e Fire Emblem. Entrambi avevano la loro versione di Musô, o “Guerrieri”, questo stile molto speciale che mette i nostri personaggi contro eserciti di centinaia di nemici che inviamo ballando semplicemente premendo un pulsante. Con Hyrule Warriors: Age of Scourge, Zelda Breath of the Wild ha ottenuto il suo episodio dedicato e il nuovo Fire Emblem Warriors segue lo stesso percorso concentrandosi sull’episodio finale della licenza: Three Houses.

Troviamo i personaggi e l’universo di tre case.

Prima di tutto, quindi, è importante tornare al Fire Emblem: Three Houses prende in prestito anche tre speranze dalla più grande. Pubblicato nel 2019 su Switch, Three Houses è diventato rapidamente l’episodio più venduto della saga. Scopriamo l’avventura di Blythe, un mercenario o mercenario, che diventerà insegnante presso l’Accademia degli Ufficiali dell’Abbazia di Garreg Mach. Byleth prende una delle tre classi di giovani coltivatori disponibili nel gioco sotto la sua ala, dando vita a tre scenari completamente diversi che porteranno a una guerra totale, con ciascuno dei tre leader di classe nell’accademia che è l’erede dei tre grandi nazioni del continente. Il gameplay è simile a quello che faceva la serie prima, con combattimenti strategici a turni, ma il titolo introduce anche un ottimo aspetto “gestionale” perché è possibile gestire l’apprendimento e lo sviluppo dei nostri studenti molto liberamente.

Fire Emblem Warriors: Three Hopes prende molti elementi, a partire dall’universo così come il suo scenario che ha molte somiglianze pur presentando un’avventura originale. Questa volta interpretiamo un mercenario o una donna di nome Shez che si unirà all’Accademia degli ufficiali a Garreg Mach Abbey, questa volta come studente. È quindi necessario scegliere tra le stesse tre categorie del gioco originale. La premessa di poco più di un’ora si conclude con un’ellisse di due anni in cui troviamo i nostri personaggi di classe nel mezzo di una guerra i cui eventi variano a seconda del gruppo che scegliamo.

READ  Ecco cosa aspettarsi dallo show di Samsung
Il solito gameplay di Warriors è stato migliorato con meccaniche più originali.

Proprio come nel gioco originale, Three Hopes ha tre diversi scenari che portano a battaglie completamente diverse che determineranno anche quali personaggi puoi interpretare. Nonostante il suo status di Warriors, il titolo è altamente sceneggiato e non offre contenuti diversi dalla campagna. Non esiste una modalità gratuita o superiore alle modalità di gioco originali come date ad esempio da Fire Emblem Warriors del 2017, tutto avviene qui nello scenario. Non preoccuparti perché bastano circa 30-40 ore di gioco per vedere la fine di uno solo dei tre percorsi del gioco, l’avventura è ricca di missioni secondarie e cose da fare.

Three Hopes è un gioco d’azione, ma ha anche una buona dose di gioco di ruolo nella sua formula. Il titolo è particolarmente gossip. Gli scenari raccontano efficacemente i conflitti militari tra le tre nazioni del continente e consentono, proprio come nel gioco originale, di gestire l’intera gamma di elementi legati al nostro esercito. Quando non siamo nel bel mezzo di un combattimento, Shez trascorre il suo tempo in un campo dove il tempo e l’energia possono essere utilizzati per allenarsi o trascorrere del tempo con i membri del nostro team rafforzando così il loro legame. Amicizia (che offre alcuni vantaggi in un combattimento). Varie risorse possono essere raccolte e scambiate per migliorare personaggi, equipaggiamento e persino edifici del campo, dando accesso a più miglioramenti… Ogni personaggio ha una classe che definisce il suo stile di combattimento e le armi utilizzabili, e il titolo ci permette di gestirli come vediamo in forma. Tutti questi meccanismi presentano molte possibilità e sono essenziali per un’adeguata preparazione per le nostre future battaglie.

Si scopre presto che dare comandi ai nostri personaggi è essenziale per giocare in modo efficace.

Ogni capitolo dello scenario offre diverse brevi battaglie che consentono di prepararsi prima dei veri scontri che faranno avanzare la storia. Il gameplay è fedele alla formula Warriors e offre diversi personaggi giocabili i cui colori variano in base alla loro classe. Vi troviamo cliché di questo tipo, con regole per la cattura, diversi obiettivi secondari nel mezzo della missione, generali più aggressivi e resistenti dei soliti soldati… Azioni che possono utilizzare due persone, ma soprattutto la possibilità di alternare quattro personaggi in qualsiasi momento e anche la possibilità di impartire Comandi a tutti i membri del team. I combattimenti qui sono un vero lavoro di squadra. In questo modo il titolo acquista un aspetto più strategico perché, tramite il menu di pausa, è possibile disporre i personaggi che possono così partire per prendere la base nemica mentre noi ci occupiamo di altro. Un’ottima idea sapendo che l’IA dei nostri alleati generalmente non è molto buona. Di conseguenza, la difficoltà è leggermente superiore e tutto è particolarmente efficace.

READ  Google lancia un fantastico flipper che può essere giocato in qualsiasi browser web

Le numerose meccaniche di gestione e la grande libertà che offre il titolo ben si sposano con le battaglie. Il gameplay offre buone sensazioni, è cattivo ed è sempre divertente usare tecniche devastanti. È anche possibile giocare in cooperativa locale per due durante le battaglie. Sfortunatamente, Three Hopes non riesce a farla franca con alcuni bug molto frequenti in questo genere, come problemi con la fotocamera e mancanza di leggibilità quando gli elementi sullo schermo proliferano.

I nemici hanno poche possibilità di sopravvivere agli attacchi finali dei personaggi.

Questi molteplici elementi influiscono anche sulla fluidità del gioco, che varia notevolmente a seconda della situazione. Il titolo è in grado di raggiungere un gran numero di fotogrammi al secondo, ma scende regolarmente. Il gioco The Three Hopes rimane per lo più divertente nonostante alcuni momenti fastidiosi. Il titolo è anche visivamente perfetto. La direzione artistica è in qualche modo simile a quella delle Tre Case, e all’epoca non era del tutto convincente. Molti degli elementi grafici, delle trame e dei motivi sono datati noiosi e non originali. Il titolo compensa questo con una colonna sonora efficace e assume più temi del suo modello.

Più che un semplice guerriero in abito a tre case, Three Hopes è un vero emblema del fuoco nel cuore. Gli sviluppatori di Koei Tecmo sono riusciti ad adattare le peculiarità del gioco originale e ad integrarle magistralmente nella particolarissima formula di Musô. La conversione è riuscita, leale e ambiziosa. Il titolo rispetta le meccaniche ricorrenti della serie, come evidenziato da una situazione in cui i personaggi sono persi definitivamente quando muoiono sul campo di battaglia, o dai legami che uniscono i personaggi giocabili che si evolvono nel tempo. Nelle scene del film abbiamo imparato di più su ciascuno. I fan di Fire Emblem non si perderanno con questa combinazione sorprendente.

READ  Python è un framework per la creazione di applicazioni Python avanzate nel browser e consente l'incorporamento di Python e HTML

conclusione

Da qualche anno Koei Tecmo propone titoli tratti da licenze Nintendo adattate al formato Musô, meglio conosciuto da noi come “Warriors”. Dopo molti Hyrule Warriors e Fire Emblem Warriors ben venduti, Omega Force ci invita ancora una volta a immergerci nel mondo della serie Tactical-RPG attraverso Fire Emblem Warriors: Three Hopes. Questa nuova puntata è specificamente basata su Fire Emblem Three Houses, l’ultima aggiunta al franchise, che è diventata anche la puntata più venduta della saga. Three Hopes presenta uno scenario alternativo in cui incarniamo un mercenario di nome Shez che si unirà a una classe dell’Accademia degli ufficiali, prima di partecipare a una guerra su vasta scala. Ci sono molti elementi di Three Houses, a cominciare dai personaggi che questa volta possiamo controllare in tempo reale. Three Hopes è un Musô le cui meccaniche sono simili a quelle di Fire Emblem perché ad esempio è possibile comandare le nostre unità in qualsiasi momento. Questa combinazione ha successo ed è anche rafforzata da diversi meccanismi di gestione a cui è possibile accedere tra le battaglie. Questi ci permettono di gestire i nostri personaggi con una grande libertà. Sfortunatamente, Three Hopes non è immune dai problemi ricorrenti di Musô come l’impossibilità di leggere e problemi con la fotocamera. È anche molto tecnicamente e visivamente perfetto, ma offre una colonna sonora molto interessante e riprende più temi delle Tre Case.

_
Segui Geeko su FacebookE il Youtube e altri Instagram Per non perdere nessuna novità, test e consigli.

Fire Emblem Warriors: tre speranze

Amore :