Ambiente Campania Salute

Terra dei fuochi. Procura di Napoli: insorgenza tumori legata ai rifiuti

È l’esito del lungo lavoro di ricerca avviato nel 2016 dagli esperti dell’Iss insieme alla procura di Napoli nord.

C’è una relazione causale, o anche di concausa, tra la presenza di siti di rifiuti incontrollati sul territorio dei comuni delle province di Napoli e Caserta ricompresi nella cosiddetta Terra dei Fuochi, e l’insorgenza di alcune patologie, come il tumore alla mammella, l’asma, le varie forme di leucemie, le malformazioni congenite.

Il dato, tanto atteso da cittadini e comitati, che finora era solo un’ipotesi degli scienziati, è stato confermato dal rapporto conclusivo dei lavori dell’accordo che la Procura di Napoli Nord – l’ufficio giudiziario ha sede ad Aversa (Caserta) – stipulò nel giugno 2016 con l’Istituto Superiore di Sanità.

Il rapporto conclusivo dei lavori frutto di quell’accordo è stato illustrato nel corso di un incontro svoltosi on line alla presenza del procuratore di Napoli Nord Francesco Greco, del Procuratore Generale di Napoli, Luigi Riello, e del presidente dell’Iss Silvio Brusaferro. Per Greco le bonifiche, che “non sono mai partite veramente”, “vanno fatte immediatamente: dopo il Covid è questa l’emergenza più importante per Caserta e Napoli”.

Fonte ANSA

N.B. Con l’appellativo “Terra dei Fuochi” ci si riferisce a quel territorio, compreso tra la provincia di Napoli e l’area sud-occidentale della provincia di Caserta, interessato dal fenomeno delle discariche abusive e/o dell’abbandono incontrollato di rifiuti urbani e speciali, associato, spesso, alla combustione degli stessi

Per continuare ad usare questo sito, devi accettare la politica di uso dei Cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi