Finanza ed Economia

TASI e IMU, le novità per il 2016

Sulla casella del 16 giugno il calendario ci rimanda ad una scadenza importante. Un giovedì all’insegna delle spese fiscali. Il 16 giugno, infatti, scadono i termini per il pagamento di Tasi e Imu e lo stesso giorno va definito l’iter per la dichiarazione dei redditi. La scadenza per versare la prima rata per l’imposta sui rifiuti (Tari) varia invece da comune a comune. IMU E TASI. Sul fronte degli immobili la novità più interessante riguarda sicuramente l’abolizione del balzello sulla prima casa: addio Imu e Tasi. A beneficiare di quanto previsto dall’ultima manovra finanziaria saranno proprietari e affittuari. Niente cambia, invece, per i titolari di un secondo immobile o di una prima casa di lusso che dovranno versare l’acconto entro il 16 giugno e il saldo entro il 16 dicembre. Le rate saranno di importo identico e potranno essere pagate – tramite modello F24 – anche in un’unica soluzione (a giugno) visto che è già scaduto il termine concesso ai Comuni per ritoccare le aliquote o intervenire sulla quota “locale” delle tariffe. L’esenzione dal pagamento sulla prima casa vale anche per gli affittuari o i comodatari a patto che abbiano preso la residenza nell’immobile. Se non sussiste questa condizione è dovuto il pagamento della Tasi dal 10 al 30 per cento, dipende da cosa prevede il regolamento comunale. La quota restante spetta al proprietario.

Per continuare ad usare questo sito, devi accettare la politica di uso dei Cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi