Dicembre 10, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Tadej Pojacar raddoppia sui lombardi, ultimo round di Alejandro Valverde e Vincenzo Nibali

Sabato è la 116a edizione del Giro della Lombardia. La distanza di 253 chilometri tra Bergamo e Como è stata tagliata per l’ultimo monumento della stagione ciclistica.

Dieci passeggeri si isolano in testa alla separazione di oggi: Aurélien Paret-Peintre, Christian Scaroni, Luca Covili, Alex Tolio, Natnael Tesfatsion, Simone Ravanelli, Davide Bais, Alessandro De Marchi, Lawson Craddock e altri Kenny Ellsund. I fuggitivi devono però ammettere la sconfitta a 70 chilometri dal termine, ai piedi della Madonna del Gisallo.

Quindi la squadra degli Emirati Arabi Uniti ha preso il controllo del Peloton. A 30 chilometri dal traguardo, alla partenza di San Fermo della Battaglia, prende velocità anche il team Quick Step – Alpha Vinyl. Il gruppo di testa si isola gradualmente e inizia a salire Civiglio con una trentina di elementi.

A 19 km dalla fine, Tadej Pojjakar (Team Emirati-Emirati Arabi Uniti) ha lanciato un attacco. Solo Enrico Mac Segui Preferito All’inizio è riuscito a continuare. Mikel Landa (i due mari) Riuscì a raggiungere i due uomini. Hanno iniziato la seconda salita di San Fermo della Battaglia in tre. Landa Salta dal primo attacco, quindi la vittoria è decisa tra di loro Pojakar e altri Ma. Vincitore lo scorso anno per la sua prima entrata, lo sloveno schiaccia lo spagnolo in volata, intascando il suo secondo round in Lombardia. Landa occupa il terzo posto, davanti a Sergio Higuita (Bora Hansgrohe) e Carlos Rodriguez Cano (Eneos Granatieri).

Alessandro Valverde (42), vi e Vincenzo Nibali Sabato, 37 hanno gareggiato nella sua ultima gara con i Pro.