Luglio 22, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Stazione Spaziale Internazionale: gli astronauti trasportati dal Boeing “non sono bloccati” lì, conferma la NASA

Questi test riguardano in particolare i problemi riscontrati durante il volo sui propulsori della capsula mentre si avvicinava alla Stazione Spaziale Internazionale (ISS) per l’attracco.

Verranno eseguiti test a terra su propulsori simili per ricreare l’ambiente spaziale e comprendere meglio la causa del problema. Questi test dovrebbero durare circa due settimane e fino ad allora non verrà fissata una data di ritorno.

“Butch e Sonny non sono bloccati nello spazio”, ha confermato Steve Stitch, un alto funzionario della NASA, durante una conferenza stampa insolitamente tesa. Ha aggiunto che la restituzione dell’auto non avviene “in fretta”.

Le battute d’arresto della Boeing tagliano fuori gli astronauti sulla ISS: “Potrebbero tornare con Space X, ma sarebbe uno schiaffo in faccia, un disastro”

Inizialmente era previsto che gli astronauti Butch Wilmore e Sonny Williams trascorressero poco più di una settimana nel laboratorio di volo. Ciò ha spinto la stampa americana a chiedersi se gli astronauti si trovassero attualmente senza via di ritorno.

Mark Nappi, direttore senior della Boeing, ha confermato che “non sono bloccati sulla Stazione Spaziale Internazionale e l’equipaggio non è in pericolo”. “È molto doloroso leggere quello che succede intorno a noi”, si è lamentato. “Finora abbiamo fatto un ottimo volo di prova, e questo viene visto in modo molto negativo.”

“Possiamo portare la Starliner in qualsiasi momento”, ha insistito. Ma “non comprendiamo[i problemi riscontrati, ndr]abbastanza bene da risolverli in modo permanente, quindi l’unico modo per farlo è prendersi del tempo” e “raccogliere più dati”.

I primi astronauti trasportati dalla navicella spaziale Starliner sono arrivati ​​alla Stazione Spaziale Internazionale

Oltre ai dispositivi di propulsione, c’è un’altra anomalia che colpisce lo Starliner, un nuovo veicolo ordinato dalla NASA 10 anni fa per fungere da taxi spaziale che trasporterà gli astronauti sulla Stazione Spaziale Internazionale.

READ  Ispirazione per la casa: 8 fantastiche idee per le scale

La NASA e la Boeing stanno ancora cercando la causa della perdita di elio rilevata durante il volo. L’elio non è infiammabile ma viene utilizzato nel sistema di propulsione. Tuttavia, secondo l’agenzia spaziale, la navicella spaziale ha ancora abbastanza elio per il ritorno.

La missione, che Boeing ha effettuato con anni di ritardo rispetto al programma, è la prima per uno Starliner con equipaggio, ed è necessaria affinché la capsula ottenga la certificazione NASA e possa quindi iniziare le operazioni regolari.

Nel frattempo, gli astronauti della NASA si sono già uniti alla Stazione Spaziale Internazionale grazie alle navi SpaceX da quattro anni.