Ottobre 3, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Stati Uniti: il Senato adotta un ampio piano per il clima e la salute, una vittoria per Biden

Con il solo loro voto, i Democratici hanno approvato quel piano con oltre $ 430 miliardi di investimenti, che porterà alla Camera dei Rappresentanti per un voto finale la prossima settimana, prima che Joe Biden lo firmi in legge.

“La strada è stata lunga, dura e tortuosa”, ha confermato il leader democratico del Senato Chuck Schumer, appena prima del voto, tra un fragoroso applauso nel suo campo.

auto elettrica

Risultato di dure concessioni con l’ala destra del Partito Democratico, questa circostanza include il più grande investimento impegnato negli Stati Uniti per il clima: 370 miliardi di dollari per ridurre le emissioni di gas serra del 40% qui nel 2030.

Con questa correzione, un americano riceverà fino a $ 7.500 in crediti d’imposta per l’acquisto di un’auto elettrica. L’installazione di pannelli solari sul tetto sarà coperta del 30%.

Questa riforma dovrebbe anche consentire di rafforzare la resilienza delle foreste di fronte agli incendi che devastano l’Occidente americano e la cui riproduzione è direttamente attribuita al riscaldamento globale.

Diversi miliardi di dollari di crediti d’imposta saranno offerti anche alle industrie più inquinate per aiutarle nella transizione energetica, misura che la sinistra del partito, che doveva esserci dietro questo provvedimento, ha fortemente criticato per non aver raggiunto esso. Un accordo più ambizioso dopo molti mesi di trattative.

Dopo essere salito al potere con enormi piani di riforma, Joe Biden li ha visti essere sepolti, resuscitati e poi seppelliti di nuovo dal senatore molto moderato del suo campo, Joe Manchin. Alla luce della debole maggioranza democratica al Senato, il rappresentante eletto del West Virginia, uno stato noto per le sue miniere di carbone, ha il veto sui suoi progetti.

READ  James Webb Telescope svela immagini dettagliate della deflessione dell'asteroide: "È assolutamente sbalorditivo"

Alla fine di luglio, il leader del Senato Democratico è finalmente riuscito a strappare un compromesso al signor Manchin.

“Vota per Rama”

Sabato, i senatori hanno finalmente iniziato a discutere il testo nel Globo del Sangue.

In serata, hanno avviato una procedura di maratona chiamata Rama Vote, durante la quale per quindici ore consecutive i funzionari eletti, molti dei quali anziani, hanno proposto dozzine di emendamenti e hanno chiesto un voto su ciascuno.

Un’occasione per l’opposizione repubblicana, che considera troppo costoso il piano di Biden, e la sinistra democratica, che lo vorrebbe più ambiziosa, per presentare le proprie rimostranze.

L’influente senatore di sinistra, Bernie Sanders, ha introdotto durante la notte diversi emendamenti che dovrebbero migliorare l’aspetto sociale del testo, che è stato notevolmente ridotto negli ultimi mesi.

Il testo prevede investimenti per 64 miliardi di dollari nella salute e una graduale riduzione dei prezzi di alcuni farmaci, che potrebbe essere fino a dieci volte il costo di altri paesi ricchi.

Ma i progressisti hanno dovuto abbandonare le loro ambizioni per asili nido gratuiti, università pubbliche e una migliore assistenza agli anziani.

“Milioni di pensionati continueranno ad avere i denti marci e non avranno la dentiera, gli apparecchi acustici o gli occhiali che meritano”, ha criticato Sanders a Hemiclicki. L’ex candidato alla presidenza ha sottolineato che “questo disegno di legge non fa nulla per risolvere questo problema”.

Ma il campo democratico, desideroso di attuare questo piano prima delle pericolose elezioni legislative di novembre e di dare la vittoria a un presidente con uno scarso voto popolare, si è unito e ha respinto la stragrande maggioranza degli emendamenti.

Parallelamente a questi massicci investimenti, il disegno di legge mira a ridurre il deficit pubblico con una nuova tassa minima del 15% per tutte le aziende con profitti superiori a 1 miliardo di dollari. Mira a impedire ad alcune grandi aziende di utilizzare scappatoie fiscali che hanno consentito loro di pagare ben al di sotto dell’aliquota teorica.

READ  Céline Dion : son entourage se veut rassurant sur son état de santé