Campania Cava de' Tirreni EVIDENZA Politica Salerno video

SPRAR, Galdi: “I contributi riconosciuti dallo Stato utilizzati a favore di nostri concittadini economicamente svantaggiati”

Cava de’ Tirreni. L’adesione al programma SPRAR, che – al netto di perplessità legittime e polemiche strumentali – ha visto aperti anche gli esponenti della minoranza, in primis l’ex sindaco Marco Galdi che, però, ha proposto contestualmente all’adesione, una serie di “clausole” da sottoporre all’attenzione della Prefettura per garantire un’accoglienza dignitosa.

«Su questo tema – ha detto Galdi – finalmente l’Amministrazione sta cercando un’apertura e il coinvolgimento di tutte le forze politiche. Il consiglio testimonia come il tema richieda piena coscienza e assunzione di responsabilità al di là del posto in cui si è seduti. Ora però l’Amministrazione deve da subito chiedere direttive sulle modalità di accoglienza, deve impegnarsi inoltre a garantire il rispetto di determinate linee guida tra cui il tetto massimo di ospiti fissato a venti persone nelle strutture, così da evitare il sovraffollamento”.

“C’è bisogno, inoltre – continua Galdi – di prevedere una ragionevole distanza tra le varie strutture di accoglienza equamente distribuite sul territorio comunale. Bisogna, poi, definire un elenco di famiglie cavesi disposte all’accoglienza che si facciano carico di diventare punto di riferimento per i richiedenti asilo affinché se ne favorisca l’integrazione. Infine – conclude Galdi – i contributi riconosciuti dallo Stato (circa 80 mila euro) dovranno essere utilizzati a favore di persone economicamente disagiate della nostra città».

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Per continuare ad usare questo sito, devi accettare la politica di uso dei Cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi