Maggio 18, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Spogliatoio Excel Mouscron furioso dopo il fallimento del club: “Grande senso di smarrimento”

Se ci sono persone che non possono essere biasimate in questa stagione, sono lo staff e i giocatori che assumeranno il loro ruolo sul campo salvando il club in P1B. La delusione per il fatto che il club non abbia ottenuto la licenza di calcio professionistico vale gli sforzi che sono stati fatti sul campo nonostante le terribili condizioni.

Tutti si aspettano che un tale risultato non lo nasconderà. “Ma ancora l’allenatore è scioccato”, Jose Junichamp. “Se dovessi riassumere il club, ha un grande potenziale ma è stato gestito molto male per anni. La data del fallimento non è stata fissata da un anno. È una serie di pessime gestioni che ci ha portato a questo punto”. Gli errori sono stati pagati in contanti. Nel calcio, il debito può accumularsi rapidamente. Questo porta al rifiuto della licenza o addirittura al fallimento. Perché non vedo chi potrebbe oggi assimilare questo debito per andare in D2 ACFF…”

Presente da un solo anno, Liegua non ha potuto nascondere la sua frustrazione. “Perché c’è tutto per fare bene: gli impianti, gli stadi, le persone vicine all’atleta… possiamo fare del bene. Ma a volte ho avuto l’impressione che ci fossero due squadre nel club. Con Futuro da una parte e Eccellere dall’altro. È perché gli investitori che potrebbero non essersi mai preoccupati dei giovani. Ha creato un divario. Questa non è una buona gestione. “E ‘stata una cosa negativa sotto tutti i punti di vista. Le persone pensano a se stesse prima di pensare al club. In me, spero che questa non sia la fine del calcio a Mouscron. Ma dobbiamo ricominciare da capo su basi solide con altre persone”.

READ  GP d'Australie, EL1 : Sainz survole les débats

Come lo spogliatoio, Manu Anguli era infastidito. “Ma anche arrabbiato. Perché siamo riusciti a salvare il club e speravamo che la dirigenza facesse del suo meglio per ottenere la licenza. Sapevamo da tempo che il signor Lopez voleva andarsene. Non conosciamo tutti i dettagli all’estero ma il club dovrebbe essere ceduto mesi fa. La nostra dirigenza ha fatto davvero il lavoro? Esattamente? Forse ci sono ragioni per spiegare tutto ma lo troviamo strano… Qualche settimana fa Teddy Chevalier ha detto tutto. Lo abbiamo costretto a farlo scusa in un comunicato stampa che non ha voluto firmare. Oggi quando vediamo la fine della storia. Vediamo che aveva ragione 100 volte.”.

Il difensore centrale conosce bene la situazione. Era lui che aveva già subito il fallimento alla Weyze e la mancanza di licenza alla Verton. “Mentalmente parlando, è molto difficile. Anche se non siamo stati pagati, abbiamo continuato a combattere ogni giorno. Siamo stati spremuti come limoni. E tutto per niente… soprattutto perché abbiamo avuto un gruppo così grande che ha davvero legato con il club e i suoi valori. Semplicemente non è successo. Molto tempo fa. Anche se sono qui solo da un anno, mi sembra che siano passati 4. Ora dobbiamo trovare un nuovo progetto e vedere cosa possiamo fare al livello manageriale. È davvero difficile da vivere…”