Gennaio 28, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Specie in via di estinzione, pesticidi… queste minacce alla ricca biodiversità dell’Hérault

Le agenzie statali hanno fissato un limite preciso che richiede consapevolezza.

L’urlo dal petto rosa è scomparso dai vigneti della Linguadoca da pochi mesi… È vittima di un cambiamento nei metodi di coltivazione? Le ragioni della sua scomparsa sono incerte, ma l’osservazione è chiara: un tale uccello, diverse decine di specie che costituiscono la ricchezza della biodiversità di Herault sono ora a rischio di estinzione.

Questa posizione è stata richiamata in un breve documento Pubblicato dal Ministero dei Territori e del Mare (DDTM) con l’Ufficio francese per la Biodiversità (OFB). Questo studio innovativo, condotto dalla direttrice del progetto Elise Dulac, esamina tutti i dati disponibili e mappa i punti di forza di Herault e i punti deboli che interessano l’area identificata dal Museo Nazionale di Storia Naturale come “Punto caldo della biodiversità”.

Diverse minacce sono menzionate lì con personaggi secondari. 1

Metodi, specie invasive (qui cancro blu) o pesticidi. Molte minacce alla biodiversità sono simboleggiate dall’aquila del Bonelli.

Metodi, specie invasive (qui cancro blu) o pesticidi. Molte minacce alla biodiversità sono simboleggiate dall’aquila del Bonelli. L’Hérault si distingue per la presenza di aree naturali superiori al 50% della sua superficie. La diversità del paesaggio è una risorsa. Tuttavia, i suoli artificiali rappresentano il 10,4% della sua superficie e sono in aumento: +4,2% tra il 2012 e il 2018. Tale aumento va principalmente a scapito dei terreni ex agricoli. Il cambiamento nell’uso del suolo è visto come la principale minaccia. “Il tasso di crescita del land grabbing ha iniziato a diminuire. Questa tendenza verso la conservazione del territorio è stata lanciata dal 2011 nell’Herault. Sono in corso lavori con le autorità locali per muoversi verso una maggiore sobrietà. E abbiamo iniziato a implementare ZAN places, zero net synth”,

Note di Elise Dulac. 2

L’importanza dell’uso dei pesticidi L’uso di prodotti fitosanitari non è stato ridotto a Herault. esattamente il contrario. Nel 2018 e nel 2019 l’acquisto di pesticidi e insetticidi è stato molto più elevato rispetto agli anni precedenti. “Gli acquisti di questi prodotti sono quelli quotati e vengono effettuati a prezzi di borsa. E questo è al di là di noi”, Note di Elise Dulac. Questi usi hanno particolari ripercussioni sullo stato ecologico delle aree lacustri, ritenute nella media. “Eravamo in cattive condizioni su tutti i laghi. Ma i saggi hanno svolto un ottimo lavoro, la posta in gioco nel bacino del disgelo con l’allevamento di ostriche era enorme”.

Tuttavia, l’Etang de l’Or nella pianura melgoriana è ancora in cattive condizioni. La popolazione di invertebrati è la prima vittima dell’uso estensivo di questi prodotti. 3

Esplosione di specie invasive Nella sezione sono state individuate poco più di cinquanta specie invasive (52). Alcuni di loro sono ben noti, l’aragosta della California o il calabrone asiatico, la mosca Suzuki. “Esplodono in modo esponenziale. E ogni specie ha un impatto sull’ambiente. Ad esempio, lagarosiphon nel lago Salagou, queste alghe impediscono di nuotare in luoghi e richiedono spedizioni di sradicamento. Anche il granchio blu è un disastro. Ambientale”.

Sebbene il suo impatto economico sia difficile da quantificare, queste specie esotiche si stanno sviluppando anche a scapito della fauna e della flora autoctone.

Migliore protezione per i “bacini” naturali? Questo è uno dei paradossi di Herault: il 52% del territorio della contea è costituito da aree protette, in particolare i siti Natura 2000, il Parco Naturale Regionale e le aree della contea. La percentuale è superiore alla media nazionale del 33%. D’altra parte, la quota di aree naturali soggette a protezione regolamentare è molto bassa e rappresenta solo lo 0,62% della regione dell’Hérault rispetto a una media del 2,2% in Francia. Un punto debole che è più dannoso in quanto una nuova strategia nazionale per la biodiversità fissa l’obiettivo di raggiungere il 10% del territorio posto in una zona di forte protezione. “Si tratta di riserve naturali nazionali, ordini di protezione biologica, riserve biologiche dell’ONF, riserve venatorie e faunistiche. C’è un gestore ma un quadro giuridico e legislativo”,

Conferma Elise Dulac. La presenza di attori sindacali solidi e organizzati è una delle chiavi per la costituzione di queste zone.

78 specie in via di estinzione

C’è stata, ovviamente, la ricomparsa del lupo, sull’altopiano del Larzac, e poi del gatto selvatico, scomparso dalla zona per 15 anni. Tuttavia, questi due esempi non devono nascondere un altro fatto: secondo il Nature and Landscape Information System (SNIP), 78 specie naturali presenti nel dipartimento sono a rischio di estinzione. Questo vale soprattutto per i pipistrelli, di cui nove specie sono diventate rare, vittime della carenza di insetti e, indirettamente, dell’ampio uso di insetticidi.

In questo elenco compare anche il serpente di Montpellier, così come il 20% dei petracchini e il 19% delle lucertole. Il movimento dei pesci dalle specie endemiche, da un fiume all’altro, provoca anche l’incrocio della popolazione che porta a una diminuzione della diversità.

All’estero, uno studio del DDTM riporta che le popolazioni di pesce spada sono diminuite del 70% in trent’anni. A Itang de Thao è stato lanciato l’allarme per la grande conchiglia di perle, considerata a rischio immediato di estinzione. La situazione non è più favorevole per le aragoste dalle unghie bianche minacciate da una specie invasiva già diffusa che porta un virus che attacca le specie autoctone.

READ  Scoprono un uomo intrappolato sottoterra per tre giorni a Saint-Vallier