Attualità Cava de' Tirreni eventi

Spazio Pueblo lancia il progetto della Casa delle Donne. Al via la formazione

Casa delle donne

Magistrati, psicologi, operatori sociali e medici psichiatri uniti contro l’abuso. Lunedì 15 ottobre, alle ore 11.00, presso la Sala Gemellaggi del Comune di Cava de’ Tirreni, la conferenza stampa di presentazione.

Al via la formazione gratuita per qualificare operatori specializzati in casi di violenza

Un centro di ascolto, di aiuto, un centro anti-violenza ma anche una casa delle donne deve essere gestito da operatori competenti. Per questo Spazio Pueblo ha deciso di affrontare questo percorso professionalizzando le figure che riverseranno il proprio impegno all’interno di un servizio delicatissimo affiancati da esperti che favoriscano la cultura del rispetto e del diritto.

Spazio Pueblo propone un corso di formazione gratuito, con incontri due volte a settimana (Martedi e Giovedi dalle ore 19.00 alle ore 21.30) che si terrà presso il Complesso Monumentale Santa Maria al Rifugio in Cava de’ Tirreni a partire dal giorno 16 ottobre prossimo fino al 1 Novembre.

Il corso vuole puntare alla creazione di competenze all’interno di una rete, quella degli operatori sociali, in grossa difficoltà nella gestione dei servizi territoriali. Ai frequentanti sarà rilasciato attestato di partecipazione

Aderiscono al progetto in qualità di docenti: Chiara Minerva (Sostituto Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Salerno); il magistrato di Cassazione Maria Teresa Belmonte; gli psichiatri-psicoanalisti Vincenzo De Leo e Federico Perozziello; Ico Gasparri (Artista sociale).

“La Campania è una Regione abusata e abusante, in cui alle volte la vittima si trasforma in carnefice. La violenza sulle donne è un dramma di cui stiamo perdendo le proporzioni, che genera una richiesta di aiuto a cui non viene fornita adeguata risposta, neppure in termini di azioni di prevenzione o contenimento del fenomeno”. Si esprime così Adelaide Cavallo responsabile di Spazio Pueblo, all’indomani della Giornata Internazionale delle bambine e delle Ragazze, e accende i riflettori sul caso Campania, seconda Regione per femminicidi e per numero di violenze sessuali commesse da minori.

Una regione violenta, che balza sul podio delle statistiche nazionali per alcuni dati allarmanti che vedono le donne durante tutta la loro vita, da bambine, adolescenti e infine adulte come un caso che meriterebbe una discussione a livello nazionale sul problema della violenza di genere: secondo l’Osservatorio sul Fenomeno della Violenza sulle Donne, la Campania è la seconda in Italia per numero di femminicidi.

Vuoi ricevere gli aggiornamenti gratuiti da laRedazione.eu ?

E' facile, semplice e gratuito. Cosa aspetti? Unisciti agli altri lettori

Aggiungi un commento

Cosa aspetti? Dicci la tua!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

laRed TV


ONAIR DALLE 12 ALLE 22

invia le tue segnalazioni al:

G+

Per continuare ad usare questo sito, devi accettare la politica di uso dei Cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi