Ottobre 5, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Sono solo terrorizzato da quello che accadrà dopo”: i segreti di un soldato russo che teneva un diario di guerra

Pavel Filiev. Questo nome sicuramente non significa nulla per te, ma sta iniziando a far parlare la gente. Questo soldato russo era già coinvolto nella guerra in Ucraina. Il 34enne è stato inviato con la sua unità a catturare il porto di Kherson. Per tutta la sua carriera ha tenuto un diario di guerra, che ha pubblicato pochi giorni fa sul social network russo VKontakte. Denuncia le atrocità del conflitto.

“Quando stavamo combattendo nelle trincee intorno a Mykolaiv, sono successe cose terribili”in particolare scivola in questo documento lungo 141 pagine. “Ho visto compagni mutilare prigionieri di guerra. Poi hanno scatenato di nuovo la loro frustrazione sui cadaveri. È stata una terribile follia che si è rivolta contro di noi. I soldati cercavano una via d’uscita, ea volte estremisti ho visto compagni sparare ai piedi o mutilare un’altra parte dei loro corpi per farli uscire dal campo di battaglia.” rubli (cioè 50.000 euro).”

Ci rendono dei veri selvaggi.

In un’intervista con un giornalista del Guardian, Pavel Filatev è tornato su alcuni dettagli della guerra, come i computer rubati dai soldati russi. L’uomo spiega: “Anche nel mercato dell’usato russo, guadagnano ancora qualche mese di stipendio rivendendo questi computer. Non ho rubato nessun computer da solo, ma ho rubato un cappello che ho trovato in un camion rotto. Perché il mio passamontagna era così freddo.” Per Pavel Filatev, se i soldati russi vengono mandati in guerra con un equipaggiamento inferiore, questo è strategico: aumenta il loro desiderio di vendetta. In questo modo ci rendono dei veri selvaggi.lui spiega.

READ  Biden promet des sanzioni "dévastatrices" contre la Russie, mais n'enverra aucune force militaire

Se Pavel Filatev oggi si fida pubblicamente, è perché non è più coinvolto in questa guerra che viene denunciato. È stato ferito e poi evacuato a causa di un’infezione agli occhi. Su consiglio della madre, quando voleva restare, è fuggito dalla Russia per sfuggire ai servizi di sicurezza. Perché con le rivelazioni che fornisce, l’ex soldato russo ora sa che rischia la prigione nel suo paese.

Riguardo ai feriti di guerra come lui, Filatif dice: “Sono andato a trovarne alcuni in ospedale. Tra gli altri, i sopravvissuti all’attacco missilistico all’incrociatore Moskva. Hanno detto di non aver ancora ricevuto un risarcimento. Inoltre, molte famiglie non sono ancora state informate della morte del figlio il il campo di battaglia”.

La maggior parte dei soldati russi non sarà felice

In The Guardian, l’ex soldato afferma di non poter più tacere. Se è tra i primi a arrendersi in questo modo, dichiara che molti soldati sono della sua opinione. “La maggior parte dei soldati non è soddisfatta di quanto sta accadendo in Ucraina”Lui dice. “Sono insoddisfatti di Putin e delle sue politiche, e sono insoddisfatti del ministro della Difesa che non ha mai prestato servizio nell’esercito”.

Va notato che dalla pubblicazione delle sue memorie di guerra, tutti i membri della sua ex unità hanno interrotto i rapporti con lui. Ma è ancora convinto che circa il 20% dei suoi compagni d’armi lo sostenga. E molti altri al fronte gli hanno detto di avere un grande rispetto per il patriottismo degli ucraini, che combattono per ciò che meritano e difendono le loro terre.

Quanto al resto, Pavel Filatev resta scettico perché le proteste popolari tardano ad arrivare o vengono neutralizzate. “Sono solo terrorizzato da quello che accadrà dopo.”Conclude con la paura che la Russia continuerà a combattere nonostante un record già terribile.

READ  La Russia pagherà il suo debito estero in rubli