Attualità EVIDENZA

E se chiudesse facebook. Sempre più giovani amano Instagram e Snapchat

Quante volte capita di incontrare un tizio chino a leggere lo smartphone con il collo a 90° o di evitare zombie social che camminano senza guardare, come se il mondo e l’aria che respirano avessero origine dallo smartphone. La prima cosa che pensiamo è: maledetto facebook. Purtroppo ci stiamo sbagliando.

facebook nasce anni fa con l’idea di mettere in rete colleghi di università per consentire uno scambio di notizie, informazioni e di documenti. Con il passare del tempo, il social è diventato di massa accrescendo i propri obiettivi, dettando di fatto regole di comportamento e destrutturando il concetto di “amicizia”.
Chi fermerebbe mai qualcuno chiedendogli di essere nostro amico, facendo al contempo vedere foto del nostro gatto, della cena appena divorata o del matrimonio in cui abbiamo festeggiato l’addio all’ultimo dei single? Nessuno. Nella realtà si diventa amici giorno dopo giorno. Sul social l’amicizia si chiede, viene valutata e concessa (o rifiutata).
Eppure facebook rende tutto così virtuale. Gruppi gestiti nella realtà da tizi che non avrebbero appeal neanche a pagarli, sul social divengono profeti di saggezza e onestà. Non è follia. C’è chi passa tempo, mediamente due ore al giorno, a farsi gli affari degli altri, a scorrere freneticamente per scoprire chissachè. In pochi resistono ed usano il medium per chiamare un amico o per scrivere ad un figlio che vive dall’altra parte del mondo. Qualcuno lo usa per lavorare. Interessante, ma per quello c’è un altro canale: LinkedIn.

facebook sembrerebbe avere un limite: le persone che già lo usano.

Un recente studio olandese “National Social Media Study 2018” pubblicato dalla Newcom Research racconta di una migrazione continua di giovani verso Instagram e Snapchat. Fortunatamente lo studio è stato ripreso da varie riviste olandesi in lingua inglese come il nltimes.nl, fatto che rende agevole la lettura.
Nell’articolo si legge “Il 43% degli olandesi di età compresa tra i 15 ei 19 anni utilizza facebook su base giornaliera, rispetto al 68% del 2016”. La notizia è rilevante perché indica un netto cambiamento delle abitudini. Chi ha scoperto facebook nel suo massimo periodo di espansione, per lo meno in Europa, lo continua ad usare, ma le giovani generazioni tendono verso altri social. Perché? Le risposte più comuni sono state che “ci sono troppe persone su facebook con cui gli adolescenti non hanno nulla in comune”.
La differenza anagrafica tra i più anziani quindi blocca i giovanissimi. Lo studio evidenzia poi che il 13% ha smesso di usare facebook a causa della pubblicità. Altro dato, il 72% degli adolescenti, tra i 15 ei 19 anni, usa quotidianamente Snapchat (72%) e Instagram (73%). Cala dunque il social “faccialibro” a favore degli altri in arrivo.

Si potrebbe obiettare che l’Olanda non sia l’Italia. Giusto. Ma lo studio ha portato, qualche giorno fa, a rivolgere qualche domanda ad alcuni teenagers italiani.

Avevo notato un uso stranamente costante e collegiale dei rispettivi smartphone. La curiosità ha spinto ad andare oltre e chiedere, ingenuamente, cosa ci fosse di così interessante su facebook. La risposta non si è fatta attendere. “Facebook è noioso”, “gente che parla senza senso”, “riferimenti a cose che a me non interessano”. Su tutte: “Mi scoccia leggere, meglio Instagram, meglio vedere le fotografie”. I ragazzi da me interpellati stavano usando Instagram e le foto giudicate più accattivanti venivano poi condivise instantaneamente.

dati facebook (2014). Ripreso da Wired.it

Da qui l’ipotesi: se le nuova generazioni migrano da facebook per altri lidi, potremmo avere un colosso social fatto di criticoni da strapazzo?

Un’ipotesi neanche tanto folle. Il rischio, a messo che lo sia, sarebbe quello di avere un social che invecchia via via rendendosi sempre meno appetibile alle nuove generazioni. Ma a questo Mark Zuckerberg aveva già pensato comprando Instagram (2012) e Whatsapp (2014) a suon di miliardi di dollari. Le cose stanno cambiando. La vita va avanti. Al prossimo acquisto di Mark.

Vuoi ricevere gli aggiornamenti gratuiti da laRedazione.eu ?

E' facile, semplice e gratuito. Cosa aspetti? Unisciti agli altri lettori

laRed TV


ONAIR DALLE 12 ALLE 22

invia le tue segnalazioni al:

G+

Per continuare ad usare questo sito, devi accettare la politica di uso dei Cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi