Dicembre 7, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Simon Yates vince una tappa estenuante del Giro

Che passo! Il profilo prometteva ma forse non così tanto. Durante la quattordicesima tappa del Giro, Simon Yates ha dimostrato di essere il più forte che vince da solo. Richard Karabaz è il nuovo comandante in capo poiché molti favoriti hanno perso tempo.

Questo passaggio era previsto e ha superato tutte le sue promesse e altro ancora. Con un look molto resistente, questa 14a tappa del Giro d’Italia può stravolgere le carte. E l’ho fatto.

dall’inizio della fase, Matteo Van der Boyle (Alpecin-Fenix) ha tentato la fortuna ed è uscito un po’ avanti, ma nessuno lo ha seguito. Quindi inizia uno script alquanto illeggibile. Va in tutte le direzioni, le pause hanno luogo, Simone Yates (BikeExchange-Jayco) È uno dei piloti che sta cercando di uscire ma non fa nulla.

Alla fine, un piccolo gruppo è riuscito a decollare, Sylvain Moniquet Lotto Soudal è uno di questi. dietro la squadra Ineos Granatieri Riccardo Carapaz Prende le cose in mano ma lascia il posto a una rottura prima che Bora-Hansgrohe lo aiuti.

La squadra tedesca sta facendo un ottimo lavoro e sta facendo esplodere perfettamente il gruppo. Molti preferiti tra cui Joao Almeida (UAE Team Emirates) è intrappolato così com’è Martin nuvole (Cofidis) e Alessandro Valverde (Movistar). Se il portoghese finisce per fare una rimonta, non sarà mai così per gli altri due.

A una trentina di chilometri dalla fine, gli attacchi raddoppiano nel rosario dei candidati ed è proprio Carapaz, infine, a fare l’attacco più grande mentre la maglia rosa Juan Pedro Lopez (Trek Segafredo) Dovresti lasciarti sfuggire altre cose preferite.

READ  Germania e Croazia colpiscono duramente, il Portogallo inciampa: scopri i risultati delle partite della serata

In questo gruppo, l’accordo non è dei migliori. Almeida guida l’inseguimento prima che si riposi Bello Bilbao (Victorious Bahrain) e il duo di Bora Hangrushi composto daEmanuele Buchmann e altri Jay Hindley. Molto decente in attacco, Carapaz allarga il gap.

Nella penultima salita, Vincenzo Nibali (Astana, Kazakistan) fa la rivoluzione con Hindley. Yates cerca di continuare mentre gli altri favoriti falliscono. I tre inseguitori finiscono per rientrare a Carapaz mentre i restanti candidati al podio puntano a trenta secondi a 13 chilometri dal traguardo.

Passando sotto lo stendardo dei cinque chilometri, Yeats si isola davanti a lui e lascia i suoi tre compagni rinnegati e non viene mai catturato. Così il britannico ha vinto in questa quattordicesima tappa per circa quindici secondi, davanti a Hindley e Carapaz. L’ecuadoriano ha approfittato dell’esplosione di Lopez per prendere la maglia rosa di leader.