Agosto 10, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Siamo stanchi di pagare!”: Sabato il prezzo del diesel è alle stelle e raggiunge un nuovo record

Il prezzo del diesel alla pompa ha raggiunto un nuovo record questo sabato, superando 1,8 euro al litro, ha annunciato FPS Economy. Il prezzo massimo del diesel B7 per la prima volta è stato di 1,8170 euro al litro (+0,027 euro), mentre il diesel B10 si è attestato a 1,7920 euro al litro (+024 euro).

“Siamo stanchi di pagare. Paghiamo sempre”, l’automobilista arrabbiato si è incontrato sabato in una stazione di servizio. “Siamo maltrattati. Non abbiamo possibilità di ricorso, lo Stato dovrebbe cercare di ridurre i canoni di produzione. È tempo di rivedere tutto questo sistema”, Un’altra aggiunta è il microfono di Pauline Dublanchett. Si noti che alla stazione di servizio di Bruxelles che abbiamo visitato sabato, il prezzo del diesel era di 1,76 euro / litro.

Non è prevista la tendenza al ribasso

Vedremo la fine di questo aumento? Ci risponde Olivier Neirinc, portavoce dell’Unione dei commercianti di carburante e gas: “Non è prevedibile una tendenza al ribasso, quindi potrebbe essere necessario ridurne un po’ i consumi e fare attenzione quando è possibile”. Prima di aggiungere: “Il diesel segue la stessa tendenza del diesel. Sono esattamente gli stessi prodotti e sono quotati negli stessi mercati”.

Pertanto, anche i prezzi massimi per il riscaldamento dell’olio sono in aumento logico. Per un ordine inferiore a 2000 litri, il nuovo prezzo massimo è di 0,9142 euro al litro (+0,0093 euro). Per un ordine di 2000 litri, questo prezzo sarà ora di 0,8837 euro al litro (+0,0093 euro). Questi aumenti sono legati all’aumento dei prezzi dell’oro nero. Il prezzo di un barile di petrolio Brent del Mare del Nord è di $ 90.

READ  I tassi ipotecari sono saliti alle stelle: perché non tenere il passo con i tassi di risparmio? | la tua guida

Come si spiega questo aumento?

Diversi fattori spiegano questo aumento significativo. Accesso variabile Omicron All’inizio la domanda è rallentata prima di riprendere a crescere. Il 12 gennaio, il direttore esecutivo dell’AIE Fatih Birol ha affermato che l’impatto relativamente piccolo della variabile omcron sulla domanda era un segno di un consumo di petrolio più elevato di quanto credessero molti osservatori.

Inoltre, alcuni paesi come la Libia stanno affrontando problemi di produzione. La Libia, che possiede le maggiori e abbondanti riserve petrolifere dell’Africa, sta cercando di districarsi da un decennio di caos dalla caduta del regime di Muammar Gheddafi nel 2011 sulla scia della Primavera araba. Allo stesso tempo, anche il Canada ha dovuto rallentare parte della sua produzione a causa del freddo pungente. “L’offerta purtroppo continua, perché non sappiamo come costruire da un giorno all’altro nuove raffinerie per aumentare la produzione dei prodotti finali, e questo al momento sta generando incrementi di prodotti petroliferi e di olio combustibile in particolare. Questi sono i motivi attuali. Olivier Nerink ce lo ha spiegato il 14 gennaio.

Infine, il contesto Forti tensioni geopolitiche Ciò influisce anche sulla produzione. La Russia è il più grande produttore di petrolio tra i partner dell’Organizzazione dei Paesi Esportatori di Petrolio (OPEC). Le tensioni sull’Ucraina sono aumentate drasticamente nelle ultime settimane, mettendo a rischio le forniture di petrolio in un mercato già teso.