Agosto 11, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Si ritiene che la specie sia estinta in superficie in Colombia


yoUna straordinaria (ri)scoperta scientifica. come mostrato Guardiano, un colibrì estremamente raro riscoperto da un ornitologo in Colombia, dopo essere stato perso per più di un decennio. La specie in questione, il pesce spada di Santa Marta, è stata vista l’ultima volta nel 2010 e gli scienziati temevano che la specie potesse essere estinta.

In effetti, questo esemplare vive principalmente nella Sierra Nevada de Santa Marta colombiana, dove la maggior parte delle foreste tropicali che ospitava sono state disboscate per la coltivazione negli ultimi dieci anni. Nel momento in cui è stato in grado di scattare una foto della spada di Santa Marta, l’ornitologo Jurgen Vega ha provato “l’emozione”, rendendosi conto che stava vivendo un momento storico nella sua carriera.

E per una buona ragione, questa è solo la terza volta che è stata ufficialmente dimostrata l’esistenza della specie, dopo il 1946 e il 2010, quando i ricercatori hanno scattato le prime foto della specie in natura.

Leggi ancheDelhommais – falco contante, una specie in via di estinzione

Una specie in via di estinzione

A riprova della sua rarità, la sciabola di Santa Marta è stata paragonata a un “vero fantasma” dall’esperto John C. Mittermayr, direttore della sensibilizzazione sulle specie in via di estinzione presso l’American Bird Conservancy. La sua specie è anche elencata come in pericolo di estinzione nella Lista rossa delle specie minacciate della IUCN.

Leggi ancheKervasdoué – Una salute per animali e esseri umani

“Guardare è stata una sorpresa completa”, ha detto Jürgen Vega con i nostri colleghi. “Quando ho visto per la prima volta il colibrì, ho subito pensato alla sciabola di Santa Marta, ma non ci credevo. Ero quasi convinto che fosse la specie, ma dato che ero così sconvolto, ho preferito stare attento”, ha aggiunto, sconvolto dalla sua scoperta.

READ  I tedeschi sono preoccupati per i loro dati sanitari