Giugno 29, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Sheryl Sandberg, #2 di Meta (Facebook), annuncia le sue dimissioni: “È la fine di un’era”.

Ha sottolineato che questi anni “insieme a Mark” Zuckerberg, presidente e fondatore dell’azienda, sono stati “un onore e un privilegio a vita”, mentre il gruppo californiano è stato ampiamente criticato da politici e pubblico. La società civile a causa della sua economia modello.

“È la fine di un’era”, ha commentato il miliardario sulla sua pagina personale.

Ha notato che nel 2008, quando ha assunto Sheryl Sandberg, aveva solo 23 anni e “non sapeva nulla della governance aziendale”.

Aveva 38 anni e lavorava con organizzazioni rispettabili, dalla Banca Mondiale al McKinsey Consulting Group. Ha anche lavorato presso il Tesoro degli Stati Uniti come Direttore del personale e Google come Vice President of International Sales and Operations.

“Cheryl ha progettato l’architettura per la nostra attività pubblicitaria, reclutato persone straordinarie, plasmato la nostra cultura aziendale e mi ha insegnato a gestire un’azienda. Ha creato opportunità per milioni di persone in tutto il mondo, grazie in gran parte al fatto che Meta ha diventare la band oggi”.

Meta ha detto ad AFP che Javi Olivan sarà il nuovo direttore operativo, ma Mark Zuckerberg ha detto che non intende sostituire la posizione di Sheryl Sandberg così com’è.

“Penso che Meta abbia raggiunto il punto in cui ha senso che i nostri diversi prodotti e attività siano più integrati tra loro”, ha affermato.

Dopo essersi affermato come il principale social network mondiale negli anni 2000, Facebook si è ampliato e ha acquisito altri servizi, come Instagram, WhatsApp e Oculus, per rimanere un must.

Alla fine del 2021, il fondatore ha ribattezzato la casa madre “Meta”, per denotare il punto di svolta verso il metaverso, questo universo parallelo accessibile in realtà aumentata e virtuale.

READ  I marocchini in Belgio pagheranno di più per i biglietti aerei

Ma il suo modello di business, basato su pubblicità massicciamente mirata ed estremamente denso di dati personali, ha suscitato polemiche dopo polemiche dal 2016. Diverse autorità lo accusano di abusare di una posizione dominante, come il suo vicino Google, leader mondiale nella pubblicità digitale.

“Il dibattito sui social network non è più legato agli inizi”, ha affermato Sheryl Sandberg nella sua lunga lettera in cui ripercorre le fasi chiave dei suoi 14 anni su Facebook.

“Dire che non è sempre stato facile è un eufemismo. Ma va bene essere difficili. I nostri prodotti hanno un impatto enorme, quindi abbiamo la responsabilità di progettarli in modo da proteggere la privacy e la privacy. La sicurezza delle persone”.