Ottobre 1, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Segni vitali promettenti, sinonimo di vita, ritrovati dalla perseveranza

⇧ [VIDÉO] Potrebbe piacerti anche questo contenuto del partner (dopo la pubblicità)

La sonda della NASA sta partecipando alla sua seconda spedizione scientifica, raccogliendo campioni di roccia da un’area specifica che un tempo ospitava l’acqua. Le ultime scoperte forniscono maggiori dettagli su questa regione, poiché le rocce mostrano una classe di molecole organiche tipiche di potenziali biosignature della vita. Il ritorno dei campioni sulla Terra consentirà di confermare o meno queste prime promettenti indicazioni.

obiettivo principale della missione perseveranza su di me Marte È astrobiologia, compreso il campionamento di campioni che possono contenere segni di antica vita microbica. Caratterizzerà il passato rover geologico e climatico del pianeta, aprirà la strada all’esplorazione umana del Pianeta Rosso e sarà la prima missione a raccogliere rocce marziane. Le successive missioni della NASA, in collaborazione con l’Agenzia spaziale europea, invieranno veicoli spaziali su Marte per raccogliere questi campioni sigillati e riportarli sulla Terra per ulteriori analisi.

Inoltre, la missione Mars 2020 Perseverance fa parte del Lunar-to-Mars Exploration Approach della NASA, che include missioni Artemide SU colore Ciò contribuirà a prepararsi per l’esplorazione umana del Pianeta Rosso.

Attualmente, il rover sta entrando nella sua seconda spedizione scientifica, mirando in particolare a un’area che gli scienziati hanno a lungo considerato un’eccellente opportunità per trovare segni di antica vita microbica su Marte. Questi risultati sono promettenti.

Apri pagina sul passato

Quindi, il Persevering Rover della NASA ha messo il suo braccio robotico al lavoro attorno a uno sperone roccioso chiamato “Skinner Ridge” nel cratere Jezero largo 45 chilometri. Ospita il delta, un’antica caratteristica a forma di ventaglio che si è formata circa 3,5 miliardi di anni fa alla confluenza del fiume e del lago marziano.

READ  Il concorso della NASA invita i bambini a immaginare il futuro robot lunare

Prima del campionamento, il rover ha esplorato il fondo del cratere e ha trovato rocce ignee, che si formano nelle profondità della terra dal magma o durante l’attività vulcanica in superficie. Attualmente, la perseveranza studia le rocce sedimentarie del delta, che si sono formate quando particelle di diverse dimensioni si sono depositate una volta nell’ambiente acquatico.

Ken Farley, uno scienziato del progetto di perseveranza presso il California Institute of Technology in California, spiega in a rapporto : « Il delta, con le sue diverse rocce sedimentarie, contrasta magnificamente con le rocce ignee – formate dalla cristallizzazione del magma – scoperte sul fondo del cratere Il robot ha raccolto quattro campioni lì dal 7 luglio, portando il numero totale di campioni di roccia a 12.

Thomas Zurbuchen, amministratore associato della NASA per la scienza a Washington, afferma: Abbiamo scelto di esplorare il cratere Jezero perché pensavamo che avesse le migliori possibilità di ottenere esemplari scientificamente eccellenti e ora sappiamo di aver inviato il rover nel posto giusto. Le prime due spedizioni scientifiche hanno prodotto una sorprendente varietà di campioni da riportare sulla Terra nell’ambito della Mars Sample Return Campaign. ».

Quest’area, grazie alla giustapposizione di varie rocce, fornisce agli scienziati una parte significativa della storia geologica successiva alla formazione del cratere. Ken Farley sottolinea: Ad esempio, abbiamo trovato arenaria che contiene grani e frammenti di roccia creati lontano dal cratere Jezero – e mudstone che include interessanti composti organici. ».

Successivamente, il rover ha preso di mira il “Wildcat Ridge”, una roccia larga circa un metro. Potrebbe essersi formato miliardi di anni fa, quando l’argilla e la sabbia fine si sono depositate in un lago di acqua salata in evaporazione. Il 20 luglio, il rover ha raschiato parte della superficie di Wildcat Ridge in modo da poter analizzare l’area con lo strumento SHERLOC (Scanning Habitable Environments Using Raman & Luminescence instrument for Organics and Chemicals).

READ  Compreresti una nuova scheda grafica da Nvidia?
Due cilindri di roccia delle dimensioni di gesso all’interno del rover rig della NASA, prelevati dallo sperone “Wildcat Ridge” del cratere Jezero su Marte. © Nasa

L’analisi SHERLOC indica che i campioni mostrano una classe di molecole organiche spazialmente correlate a quelle dei minerali solfati. I minerali solfati negli strati rocciosi sedimentari possono fornire importanti informazioni sugli ambienti acquatici in cui si sono formati.

segni di vita?

Tuttavia, una biofirma – una sostanza o una struttura che può essere l’evidenza della vita passata – non implica necessariamente la presenza della vita. Infatti le molecole organiche sono costituite da una varietà di composti, costituiti principalmente da carbonio e generalmente composti da atomi di idrogeno e ossigeno, ma anche azoto, fosforo o zolfo. Tutte queste molecole possono essere prodotte attraverso processi chimici senza vita.

Tuttavia, la posizione geografica degli attuali campioni rende probabile che si tratti effettivamente di vere bio-impronte digitali. Farley spiega: In un lontano passato, la sabbia, il fango e i sali che ora costituiscono l’esemplare di Wildcat Ridge si sono depositati in condizioni in cui la vita avrebbe prosperato. Il fatto che in tali rocce sedimentarie sia stata trovata materia organica – note per preservare fossili di vita antica qui sulla Terra – è significativo.R “.

Per non parlare del fatto che nella sua analisi di Wildcat Ridge, lo strumento SHERLOC ha registrato i reperti organici più abbondanti per la missione fino ad oggi.

Viaggio di ritorno

Tuttavia, per quanto efficienti siano gli strumenti a bordo del rover, sarà necessario attendere un ritorno sulla Terra per uno studio approfondito nell’ambito della campagna di ritorno del campione di Marte della NASA.

Per inciso, la prima fase della campagna di ricampionamento è iniziata quando Perseverance ha scavato il suo primo campione di roccia nel settembre 2021. Oltre ai campioni di roccia, il rover ha raccolto un campione di atmosfera e due tubi di controllo, tutti conservati nel rover . Quest’ultimo dovrà spostarli per poi depositarli vicino alla base del delta in circa due mesi. Quindi continuerà a esplorare.

READ  Google corregge l'errore di numerazione casuale automatica dei contatti
scheda campione rover
Questa immagine mostra due posizioni nel cratere Jezero su Marte dove il Perseverance Rover della NASA ha raccolto campioni di roccia per il suo futuro ritorno sulla Terra. “Wildcat Ridge” è in basso a sinistra e “Skinner Ridge” è in alto a destra. © Nasa

Lori Lechin, direttrice del Jet Propulsion Laboratory della NASA, conclude: Il fatto che mancano settimane alla pubblicazione degli incredibili campioni di persistenza e solo pochi anni dal raggiungere la Terra in modo che gli scienziati possano studiarli in grande dettaglio è davvero straordinario. Impareremo molto ».

Missione di recupero su Marte
Illustrazione del concetto di restituzione di campioni su Marte. © NASA/JPL-Caltech

Con le date di lancio previste per l’Earth Return Orbiter e il Sample Retrieval Lander rispettivamente nell’autunno 2027 e nell’estate 2028, i campioni dovrebbero raggiungere la Terra nel 2033. Questa architettura di missione avanzata includerà due elicotteri per il recupero dei campioni.