Settembre 26, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Secondo Van Ranst, “Non è noto se rappresenti un serio pericolo”


Il Covid fa paura, il vaiolo preoccupa… Come dobbiamo reagire a questo nuovo virus dalla Cina? Si chiama Langya e sono già stati rilevati 35 casi. Secondo il virologo Mark van Ranst, in un’intervista con HLN, nuovi virus vengono scoperti regolarmente e resta da vedere quanto sarà grave la situazione.

Secondo un rapporto intitolato “Un virus zoonotico animale nei pazienti con febbre in Cina” pubblicato sulla rivista medica “The New England Journal of Medicine”, si tratta di un nuovo virus Henipa, i più famosi dei quali sono il Nibhirovirus e il virus Hendravir , che il primo non è noto. Non hanno una buona reputazione. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), il tasso di mortalità per la malattia incurabile di Nipah è del 40-75%.

In termini di sintomi, alcuni di essi sono molto simili a quelli che conosciamo ora a causa del Covid. Pazienti che presentano febbre (100% dei pazienti), affaticamento (54%), tosse (50%), perdita di appetito (50%), dolori muscolari (46%), nausea (38%), mal di testa (35%) e vomito (35%).

Marc van Ranst non ha ancora avvertito di questa situazione: al momento i casi sono segnalati solo in Cina e nessuno è morto. “I pazienti presentano una sindrome simil-influenzale con funzionalità renale ed epatica compromessa”. Secondo lui, vengono regolarmente scoperti nuovi virus. e “Non sappiamo se questo rappresenti un rischio serio. Resta da vedere. 35 casi non sono così tanti. E non abbiamo ancora idea delle infezioni asintomatiche”.

READ  Quand une fuite de données d'un service de livraison en Russie révèle des informations sur des agent secrets russes

Il laboratorio Van Ranst sta già sviluppando un test PCR specifico.

Secondo i Centri di Taiwan per il controllo delle malattie (CDC), finora non è stata segnalata alcuna trasmissione da uomo a uomo. Un test su 25 specie di animali selvatici ha identificato il toporagno come un potenziale serbatoio per il nuovo virus. Il virus è stato trovato nel 27% dei toporagni testati.