Agosto 13, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Secondo quanto riferito, i missili cinesi sono atterrati nella zona economica esclusiva del Giappone e hanno sorvolato Taiwan

Secondo il Ministero della Difesa giapponese, dei cinque missili atterrati nella Zona Economica Esclusiva (ZEE) del Giappone, quattro hanno sorvolato Taiwan.

Tempo di lettura: 3 minuti

IlIl Giappone ha presentato un reclamo alla Cina attraverso i canali diplomatici. Per il ministero della Difesa giapponese, questa è la prima volta che i missili balistici cinesi entrano nella zona economica esclusiva del Giappone, poiché giovedì la Cina ha lanciato esercitazioni militari di una portata senza precedenti intorno a Taiwan in risposta alla visita del presidente della Camera degli Stati Uniti. Nancy Pelosi.

“Si sospetta che cinque dei nove missili balistici lanciati dalla Cina siano atterrati nella zona economica esclusiva del Giappone”, ha detto giovedì il ministro della Difesa giapponese Nobu Keichi ai giornalisti mentre la Cina ha iniziato importanti esercitazioni militari nelle acque intorno a Taiwan dopo una visita al presidente della Camera dei rappresentanti giapponese Nancy Pelosi”. Il Congresso.

“Il Giappone ha presentato una protesta con la Cina attraverso i canali diplomatici”, ha aggiunto Kishi, descrivendo l’incidente come “un serio problema che colpisce la nostra sicurezza nazionale e la sicurezza dei nostri cittadini”.

Alcune isole della prefettura di Okinawa, nel punto più meridionale del Giappone, distano solo poche decine di chilometri da Taiwan.

‘Pericoloso impatto sulla pace’

Inoltre, giovedì, il ministro degli Esteri giapponese Yoshimasa Hayashi ha chiesto “l’immediata cessazione” delle esercitazioni militari cinesi intorno a Taiwan, iniziate in risposta alla visita sull’isola della presidente della Camera degli Stati Uniti Nancy Pelosi.

Le azioni della Cina questa volta hanno un grave impatto sulla pace e la stabilità nella regione. Ha detto ai giornalisti a Phnom Penh, dove stava partecipando a una riunione dell’Associazione delle nazioni del sud-est asiatico (ASEAN), che chiedo ancora una volta l’immediata cessazione di queste esercitazioni militari.

In risposta alla visita di Nancy Pelosi a Taiwan

Le esercitazioni militari di una portata senza precedenti lanciate dalla Cina giovedì scorso, intorno a Taiwan, arrivano in risposta alla visita della signora Pelosi, che è rimasta nell’isola martedì e mercoledì sera nonostante i fermi avvertimenti di Pechino, di cui Taiwan è una delle sue province . .

La Cina vede l’iniziativa della signora Pelosi come una provocazione, un sostegno ai sostenitori dell’indipendenza di Taiwan e un rifiuto della promessa degli Stati Uniti di non stabilire relazioni formali con l’isola. In risposta, l’esercito cinese ha lanciato una serie di esercitazioni militari in sei zone marittime attraverso Taiwan, lungo rotte commerciali trafficate e talvolta a soli 20 chilometri dalle coste di Taiwan.



Il portavoce militare cinese, Shi Yi, ha detto che le esercitazioni, iniziate a mezzogiorno (4:00 GMT) di giovedì, includevano “lanci di missili convenzionali” nelle acque al largo della costa orientale di Taiwan.

READ  Guerra in Ucraina: "Inferno" nel Donbass, gli Usa inviano 40 miliardi di dollari a Kiev