Dicembre 7, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Secondo gli scienziati, questo nuovo limite è stato superato e danneggerà il nostro pianeta

Più passa il tempo, maggiore è il pericolo per il nostro pianeta. buona vecchia terra Quelli in cui abitavamo diversi milioni di anni fa e che hanno circa 4,5 miliardi di anni sono nel tempo perduto, come purtroppo spesso ci ricordano gli scienziati. Nonostante ciò, i progressi sono ancora così scarsi che un nuovo limite è stato superato e minerà ulteriormente il nostro ecosistema.

Il concetto di “confini planetari”

Entro il 2050, la popolazione della Terra dovrebbe avvicinarsi ai 10 miliardi. Diciamolo chiaramente, Il nostro pianeta diventerà sovrappopolato e le risorse essenziali per il nostro benessere saranno notevolmente ridotte. Secondo molti ricercatori e scienziati, la Terra sta già morendo e Presto sarà troppo tardi per invertire questa tendenza. E se pensi che l’unico problema sia il cambiamento climatico, è tutt’altro.

Nel 2009 un gruppo di 26 ricercatori internazionali ha sollevato il concetto di “confini planetari”, Dal momento che l’accettazione è abbastanza unanime nella comunità scientifica. Questi limiti costituiscono soglie che l’umanità non deve superare, su scala globale, Al fine di evitare cambiamenti molto improvvisi nel nostro ambiente e quindi contribuire a garantire la stabilità del nostro ecosistema.

Tuttavia, uno di questi limiti, il sesto, è stato appena superato.

Acqua dolce ‘fuori dalla zona sicura’

Se per ciascun limite vengono rivisti valori diversi delle quantità emesse o estratte dall’ambiente nel tempo, Tuttavia, è rimasto lo stesso ed è in numero di nove: Cambiamenti climatici (più noti), integrità della biosfera, interruzione dei cicli biochimici di azoto e fosforo, cambiamenti nell’uso del suolo, introduzione di nuove entità nell’ambiente (attraversate all’inizio di quest’anno), riduzione dell’ozono stratosferico, acidificazione degli oceani, concentrazione di aerosol Infine, utilizzare acqua fresca.

READ  La quinta ondata di Covid-19: perché è alle stelle in alcune regioni

Fino ad allora si credeva che “solo” i primi cinque limiti fossero stati superati. Tuttavia, anche l’ultimo di loro è stato recentemente superato, Secondo uno studio pubblicato in revisione temperare la natura. I dati sull’uso di acqua dolce (il consumo annuo totale di acque superficiali e sotterranee) ora indicano che lo è ora “Fuori dalla zona sicura”. Ciò include precipitazioni, umidità del suolo o evaporazione.

L’acqua verde è in pericolo

Ma è soprattutto il caso dell’acqua verde, che è il risultato delle precipitazioni nell’atmosfera e assorbita dalle piante. Gli scienziati che hanno condotto lo studio ritengono che questo tipo di acqua dolce non sia stata ancora adeguatamente presa in considerazione, sebbene sia essenziale per la vita sulla Terra: La foresta pluviale amazzonica dipende dall’umidità del suolo per la sua sopravvivenza. Ma ci sono prove che parti dell’Amazzonia si stanno prosciugando. La foresta sta perdendo umidità del suolo a causa dei cambiamenti climatici e della deforestazione”, Possiamo leggere in particolare temperare la natura.

Basti pensare che questa è una pessima notizia per il nostro pianeta e che, come ci si potrebbe aspettare, siamo i primi responsabili, perché abbiamo pagato “L’acqua verde supera di gran lunga la varianza che la Terra ha visto per migliaia di anni”. Quindi è il nostro intero ecosistema che potrebbe essere sconvolto nei prossimi anni e altro ancora.