Novembre 27, 2021

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Seagate ha appena rivelato il suo primo disco rigido PCIe NVMe, è questo il futuro dei dischi rigidi?

All’OCP World Summit di questa settimana, Seagate ha presentato il primo disco rigido (HDD) al mondo che utilizza sia un’interfaccia NVMe (memoria non volatile) che PCIe. Il disco rigido demo si basa su un controller speciale che funziona con tutti i principali protocolli (SAS, SATA, NVMe), senza bisogno di un gateway. Dimostra e conferma la validità del protocollo NVM sui dischi rigidi. L’applicazione fornisce supporto integrato per il protocollo NVMe all’interno della stessa console del disco rigido e non richiede alcuna connessione. L’obiettivo, secondo Seagate, è aprire la strada a un’interfaccia NVMe unificata e trasparente per dischi rigidi e SSD.

Il disco rigido NVMe è apparso nella parte superiore dell’Open Compute Project in una scatola JBOD personalizzata, con dodici unità da 3,5 pollici collegate tramite un’interfaccia PCIe. Sebbene la capacità dell’unità sia incerta, Seagate ha utilizzato gli screenshot dell’Exos X18 per la presentazione, che ha una capacità massima di 18 TB. E in questa demo, Seagate ha collaborato con i leader del settore. Seagate ha sviluppato un contenitore JBOD 2U a 12 slot che include uno switch PCIe che fornisce l’interfaccia per le unità disco rigido collegate. L’utilizzo di NVMe per i dischi rigidi consente di sfruttare appieno questa interfaccia ricca di funzionalità e un’architettura di archiviazione semplificata.

Fondato nel 2019, l’OCP World Summit Experience Center è uno spazio dedicato alla comunità hardware per presentare progetti hardware, architetture e soluzioni software su piattaforme hardware riconosciute da OCP. Fornisce nuovi modi per i membri OCP di presentare le migliori dimostrazioni di prodotti dal loro catalogo. Questa iniziativa è stata lanciata l’anno scorso durante i vertici mondiali e regionali (europei) dell’OCP ed è stata tra le attrazioni più popolari. I partner non solo hanno l’opportunità di mostrare le offerte di prodotti accettati e ispirati da OCP, ma hanno anche l’opportunità di ricevere feedback dai partecipanti al Summit.

READ  Con Pikmin Bloom, Nintendo ti farà amare camminare

OCP, con un ampio supporto del settore, continua a sviluppare e definire le specifiche tecniche per i dischi rigidi NVMe attraverso gli NVMe HDD Workstream Meetings, con l’obiettivo di consentire e incoraggiare l’adozione diffusa del settore del flusso di lavoro NVMe HDD nel tempo. Questo lavoro fornisce un launchpad per i dischi rigidi NVMe in architetture come NVMe-oF (across fabric) per la traduzione del protocollo trasparente. Fornisce inoltre supporto per gli strumenti open source più recenti, incluso Kubernetes, che fornisce un servizio di container completamente gestito per la distribuzione flessibile delle applicazioni. Ecco i vantaggi dell’hard disk PCIe NVMe presentato all’OCP World Summit:

  • diminuzione del numero di componenti;
  • API di gestione condivisa tramite Redfish;
  • connettori sovradimensionati (SAS e SATA);
  • Supporto nativo per dischi rigidi multi-drive;
  • Lo stack semplifica l’eliminazione dei driver SAS/SATA proprietari.

Perché Western Digital si affida a OptiNAND, una nuova architettura di unità disco rigido con memoria flash mentre NVMe è la pietra angolare delle nuove architetture di storage e implementazioni di funzionalità per alcuni professionisti. I dischi rigidi PCIe NVMe supportano i supporti rotanti e garantiscono che i dischi rigidi siano in grado di supportare le architetture e le iniziative del settore più recenti. I dischi rigidi NVMe avranno accesso a un’ampia gamma di API e strumenti di gestione dello storage open source con Redfish, che fornisce API di gestione semplici e sicure per soluzioni di storage classificate.

Sebbene gli attuali dischi rigidi non siano neanche lontanamente abbastanza veloci da sfruttare appieno gli ultimi standard PCIe, i progressi tecnici potrebbero significare che le interfacce SATA e SAS non saranno sufficienti in futuro. Western Digital, il principale produttore di dischi rigidi, prima di Seagate utilizzava un dispositivo ePMR (Power Supported Perpendicular Magnetic Recording) sulle testine di lettura/scrittura, portando l’accuratezza delle registrazioni sulla superficie magnetica dei piatti. Include anche una parte elettronica chiamata OptiNAND che mette a dura prova la capacità fisica.

READ  Il suolo lunare conterrà abbastanza ossigeno per 8 miliardi di persone per 100.000 anni

Fonte : Seagate

E tu?

Cosa ne pensi?

Pensi che il futuro di SD risieda nella tecnologia?

Guarda anche:

Il disco ottico 5D può memorizzare 500 TB per miliardi di anni, grazie al metodo di scrittura laser veloce e a risparmio energetico

I nuovi SSD, con protezione contro ransomware e furto di dati, saranno disponibili quest’anno per un pubblico più ampio

Seagate annuncia Mach.2, una tecnologia per dischi rigidi dual-drive sviluppata in collaborazione con Microsoft, Exos 2X14 è il primo disco rigido a integrare la tecnologia

Roadmap di Seagate: passare a dischi rigidi da 120 TB, mentre i dischi rigidi da 100 TB saranno disponibili nel 2030