Febbraio 8, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

‘Se confermato, dovrò fermare tutto’: Yves affitta il suo appartamento a Liegi su Airbnb, teme nuova tassa belga

Yves, residente a Liegi, ci ha contattato tramite il pulsante arancione “Avvisaci” per comunicarci le sue preoccupazioni. Questo proprietario affitta regolarmente il suo appartamento su Airbnb. Si teme che con tutte le tasse imposte dal legislatore in questi mesi, affittare una casa per un breve periodo non sia più redditizio.

“Ogni fine settimana di ogni mese ci sono prenotazioni. Di fronte alla tabella riassuntiva degli affitti del suo appartamento, Yves diventa ansioso. Contattaci Liégeois tramite il pulsante arancione che ci avvisa.

Teme che il sistema fiscale messo in atto dalle autorità non renda più redditizio affittare la sua casa per brevi periodi. Il padre di famiglia affitta regolarmente il suo appartamento attraverso la piattaforma Airbnb. La posizione consente ai viaggiatori di passaggio di contattarlo rapidamente e soggiornare nel suo appartamento.È un piccolo contributo finanziario. L’appartamento può ripagarsi da solo, pagare la sua energia. Non rappresenta un gran guadagno”.Lui dice.

Se l’avessi affittato per un anno, avrei guadagnato di più

Nel 2019, Yves ha iniziato ad affittare il suo appartamento. Dopo la separazione, nel 2017 ha ottenuto un appartamento nella sua città preferita: Liegi.L’obiettivo era avvicinarmi ai miei figlilui spiega. Poco dopo, Eve incontra una nuova ragazza e gradualmente va a vivere con lei.

Di conseguenza, il suo appartamento sta diventando sempre più libero. per lui Dai su L’idea di metterlo in affitto su Airbnb.Se l’avessi affittato per un anno, avrei guadagnato di più. Ma l’idea è di mantenerlo flessibile e raggiungere i miei figli che hanno la loro scuola nelle vicinanze. E per noi, poterci venire quando saremo liberi”.

“Amo la mia città”

Yves si definisce soprattutto un amante della sua città: Liegi. Il tuo appartamento in affitto promuove la tua città, ma anche un’opportunità per accogliere turisti di ogni ceto sociale: Germania, Quebec Paesi Bassi, ecc. “Sono sempre stato di Liegi. Non mi sono mai trasferito, nemmeno quando lavoravo a Bruxelles oa Charleroi. Amo la mia città, ho sempre promosso la mia città. Nutr Attenzione Lascia i documenti sulla sua zona agli inquilini e dice di non lesinare sui consigli:Esiste un vero e proprio sistema di agenti turistici. Consiglio su ristoranti, gite e museiLui dice.

READ  "Uh, è un'andatura strana?"

grab_20221026_174109_599

Tasse che dipenderanno dalla frequenza del noleggio

Da quando è diventato un “host” sul sito web del gigante americanoil reddito di ive sta crescendo. Ma quest’anno i suoi guadagni — come per tutti gli altri proprietari della piattaforma — non potranno più sfuggire al fisco. In effetti, il Belgio ha costretto le piattaforme di affitto di alloggi comunitari come Airbnb a cooperare con le autorità fiscali. In termini concreti, aziende come Airbnb devono ora ogni anno Comunicare Le autorità fiscali sono responsabili degli importi ricevuti dalle persone fisiche che affittano la loro proprietà. L’unico problema è che le caratteristiche ei meccanismi di queste tasse non sono ancora chiari ad alcuni, inclusa Eva. Teme che questo piccolo reddito extra svanisca. “Se ciò sarà confermato, dovrò fermare tutto”.

Le autorità fiscali distingueranno tra inquilini occasionali e professionali.

  • Se è incidentale, vengono prese in considerazione tre tipologie di tasse: una sui redditi da capitale, un’altra sui redditi mobiliari e una sui redditi vari (pulizie, colazione, ecc.).
  • Se invece l’Agenzia delle Entrate considera l’attività come attività professionale, allora il reddito è considerato reddito professionale ed è quindi tassato come tale.

Quindi, come fai a sapere in quale delle due categorie rientri? Florence Angelesi è la portavoce di FPS Finances. sono i dettagli:Quando affitti la tua proprietà tramite Airbnb, considereremo la frequenza dell’affitto della proprietà e il tuo investimento in termini di tempo e denaro.. FISC non specifica una somma esatta per distinguere tra le due possibilità: “Non ci sono numeri che determinano se hai o meno un reddito professionale. È davvero l’investimento di tempo e denaro che determinerà se un reddito professionale…” Primo!

READ  Energia: ecco il piano del governo per garantire le nostre forniture in inverno

La poca chiarezza secondo Yves lascia dubbi sulla successiva dichiarazione dei redditi: “Se non è la definizione di a volte ogni fine settimana, bloccherei i fine settimana in modo da non entrare nelle tasse (commerciali). L’appartamento diventerà meno disponibile e quindi meno redditizio, e a un certo punto smetterò di venderlo o affittarlo per tutto l’anno”.

affittato

A tutto ciò si aggiungono nuove normative. Dal 1° luglio 2022, infatti, la fornitura di alloggi arredati è soggetta ad IVA al 6%. In rapida successione, i legislatori hanno messo le mani sulla tassazione dei pernottamenti sulla piattaforma. “Il problema è che o non guadagneremo o non perderemo più soldi, o dovremo aumentare i prezzi. Ci vuole lavoro amministrativo extra, ha una partita IVA, ecc. Comincia a fare un sacco di soldi e il tempo passa al stato.” Yves insiste di non essere contrario alle tasse, ma le considera troppo alte.

Da parte di SPF Finances, va notato che l’obiettivo di queste tasse è “portare più equità a livello fiscale. Tutti pagano le tasse su tutto il loro reddito”. Gli host che non completano correttamente le future dichiarazioni dei redditi incorreranno in una sanzione amministrativa:O multe da 50 a 1250 euro, oppure un aumento dell’imposta di una percentuale che varia a seconda della recidiva.