Febbraio 2, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Sappiamo come i buchi neri accelerano naturalmente le particelle… o quasi!

I buchi neri supermassicci sono strani oggetti i cui segreti gli astronomi non hanno ancora rivelato. Ma un mistero di 40 anni è stato appena risolto. O quasi…

Nel cuore di alcune galassie sono nascoste buchi neri supermassicci che divorano ciò che li circonda. Sono i flussi di particelle che vengono poi emessi nello spazio e che gli astronomi osservano. I getti, che appaiono particolarmente luminosi quando causati dal caso, sono diretti verso la Terra. Per qualificare questo fenomeno, i ricercatori hanno coniato il termine “blazar”. Ma sebbene sospettassero una connessione con le proprietà dei campi magnetici attorno ai buchi neri, si chiedevano ancora come questi blazar potessero accelerare le particelle a energie così elevate.

E’ il satellite Esploratore di immagini a raggi X (IXPE), una collaborazione tra la NASA e l’Agenzia Spaziale Italiana, che ci ha appena dato la soluzione a questo mistero che dura da 40 anni. Grazie ai nuovi dati. Perché Ixpe può misurare la polarizzazione Raggi X. Comprendi che sta vedendo come queste onde sono dirette mentre si muovono. E questo è al centro del nucleo attivo del blazar, nel luogo in cui le particelle vengono accelerate.

onda d’urto

I ricercatori hanno studiato un buco nero supermassiccio particolarmente luminoso e massiccio, Markarian 501. Si trova a 450 milioni di anni luce dalla Terra, al centro di una grande galassia ellittica. Hanno osservato una maggiore polarizzazione nei raggi X rispetto alle onde radio o visibili. Un risultato che conferma una delle ipotesi avanzate campi magnetici I buchi neri supermassicci accelerano le particelle.

Secondo gli astronomi, allora lo è Dove shock – generato quando qualcosa si muove più velocemente del suono – che sarà al centro del processo. Ciò farà sì che i domini magnetici passino improvvisamente da uno stato disordinato a uno ordinato, spingendo le particelle a velocità vicine a quella della luce. Resta ora da capire cosa risulta da questa onda d’urto…

READ  Windows 11, Microsoft introduce le schede nel Blocco note