fbpx
Cava de' Tirreni EVIDENZA

Cava, la chiesa di Santa Maria del Rovo riapre dopo il restauro

dopo il restauro

Cava de’ Tirreni: la chiesa di Santa Maria del Rovo riapre dopo il restauro. I lavori sono durati dieci mesi per un totale di spesa di circa 120 mila euro

È questo il risultato della ristrutturazione della ottocentesca chiesa di Santa Maria Del Rovo, nell’omonima località, che sabato 21 luglio riaprirà i battenti dopo il minuzioso lavoro messo a punto dai restauratori Diana Spada e Nicola Iovine che non solo ha permesso di ridare bellezza agli ambienti del luogo di culto – da tempo nascosti dalla polvere e dalla fuliggine – ma soprattutto di riportare alla luce delle tele sulla volta della navata e degli stucchi che impreziosivano l’intera superficie e successivamente coperti dagli affreschi oggi presenti.
Il 10 settembre del 2017, don Francesco della Monica – parroco di Santa Maria Del Rovo – aveva simbolicamente chiuso le porta della chiesa tra la commozione dei fedeli che, dopo otto anni di collaborazione, vedevano finalmente il primo germoglio del frutto di tanti sacrifici. Sabato la cerimonia verrà ripetuta al contrario con una comunità che stavolta non vede l’ora di poter ripercorrere quella navata e ammirarne la rinnovata bellezza.
«La volta fu affrescata nel 1945 come ringraziamento della comunità roviana per la fine della guerra. Fu il completamento di un’opera in realtà già avviata nel 1902 – ha raccontato don Francesco della Monica – Fu una realizzazione che fece molto parlare per la particolarità dei materiali molto pregiati. Adesso, a distanza di oltre 100 anni abbiamo portato avanti il recupero necessario anche dopo i danni procurati dal terremoto del 1980 e dalla chiusura della chiesa per oltre venti anni che ha causato muffe e ingrigito il tutto. Il progetto di restauro, realizzato unicamente con le offerte degli abitanti della zona, stiamo riportando alla luce un gioiello».
Un traguardo, dunque, a cui ha contribuito l’intera comunità di Santa Maria del Rovo che annualmente continua ad organizzare una serie di eventi che non solo permettono la raccolta di fondi ma incentiva anche la partecipazione e la condivisione. Tra i tanti il torneo di pallavolo, attualmente in corso presso il cortile della parrocchia e che ha coinvolto oltre 150 giocatori; o ancora la colonia estiva in collaborazione con la Caritas Diocesana e il Presepe Vivente a ridosso delle festività Natalizie. Prossimo obiettivo è la realizzazione di un vero e proprio centro parrocchiale. «Sarebbe il mio sogno e quello di tutta la comunità di Santa Maria Del Rovo – continua don Francesco Della Monica –. Per la realizzazione del centro parrocchiale abbiamo stimato un costo di circa 1 milione e 500 mila euro, una cifra importante che possiamo raggiungere stavolta con l’aiuto della Conferenza Episcopale Italiane e con i proventi del 5×1000».

Vuoi ricevere gli aggiornamenti gratuiti da laRedazione.eu ?

E' facile, semplice e gratuito. Cosa aspetti? Unisciti agli altri lettori

laRed TV


ONAIR DALLE 12 ALLE 22

invia le tue segnalazioni al:

G+

Per continuare ad usare questo sito, devi accettare la politica di uso dei Cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi