Novembre 27, 2021

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Sanità: il ministro Dube vuole monitorare i medici di famiglia con un disegno di legge

Il ministro della salute del Quebec, Christian Dube, vuole monitorare i medici di base.

Per raggiungere questo obiettivo, giovedì il funzionario eletto all’Assemblea nazionale ha presentato un disegno di legge per aumentare l’offerta di servizi di prima linea. Ha detto in una conferenza stampa che ciò non includeva misure di “coercizione” o “punizione” per i medici di famiglia che non si prendevano cura di un numero sufficiente di pazienti.

M. Dubé demande à l’Assemblée nationale d’autoriser la Régie de l’assurance maladie du Québec (RAMQ) à communiquer, su « une base locale », les « plages horaires de disponibilité » de tous les omnipraticiens n aux aires aux aires la salute.

Il ministro, che indossa un “cappello da manager”, vuole “capire i punti di forza, ma anche le cose da migliorare in prima linea”, e creare un “quadro per le trattative per le prossime settimane” con la Federazione dei medici di medicina generale del Quebec ( FMOQ).

Per ora, dice, continua a scommettere sulla politica di “comunicazione” con FMOQ, che spera consentirà ai quebecchesi di vedere un medico entro un massimo di 36 ore.

Il primo ministro François Legault, eletto con la promessa di nominare un medico di famiglia per tutti i quebecchesi, ha dichiarato il 27 ottobre di essere alla fine della sua pazienza con “poche migliaia di medici di famiglia che non si prendono cura di un numero sufficiente di pazienti”.

Al momento, il signor Dube ha ribadito giovedì: “Non abbiamo una panoramica della determinazione della designazione in un’area specifica”.

Il ministro vuole anche avere la possibilità di “programmare” un “personale medico” nel “specificare”[ant] Ad esempio “la percentuale di fasce orarie per la presenza di un medico da fornire dal lunedì al venerdì, prima delle 8:00 e dopo le 19:00, nonché il sabato e la domenica”.

READ  Più di 600 pazienti sono in terapia intensiva

punto di accesso unico

I medici di famiglia saranno costretti ad assistere solo le persone che sono tra gli 850.000 circa iscritti al Family Physician Access Program, che prevede il Bill 11. “I Quebec sono stanchi di registrarsi allo sportello. Questo non dà loro una risposta”, Mr. Dube ha sostenuto in conferenza stampa. Secondo lui, non 850.000 ma 1,5 milioni di quebecchesi non hanno un medico di famiglia. Chiede all’FMOQ di lavorare sulla “riduzione del numero”.

Il governo intende, attraverso il disegno di legge, costringere i medici a “rendere disponibili” ai quebecchesi, che abbiano o meno un medico di famiglia, proprio per il sistema elettronico di prenotazione degli appuntamenti.

In effetti, il governo si aspetta un appuntamento entro 36 ore o meno attraverso portali web come Bonjour-santé. “Ci hanno dato gli appuntamenti disponibili per coloro che non li hanno e per i malati”, ha detto il signor Dubey in una conferenza stampa. Ad oggi, circa 450 dei 600 gruppi di medicina di famiglia (FMG) sono “connessi”. Il resto sarà entro la fine dell’anno, ha detto il ministro giovedì.

Ho chiesto rinforzi

Il ministro degli Esteri marocchino ha accolto con favore il “tono di calma” adottato giovedì dal ministro Dube, sottolineando in un comunicato che la cooperazione “è sempre stata il leitmotiv dei medici di famiglia”.

Il sindacato dei medici chiede rinforzi per i medici di famiglia – che “lavorano molto duramente in Quebec”, insiste – vale a dire infermieri di successione, psicologi, assistenti sociali e assistenti amministrativi, nonché un migliore accesso alle piattaforme tecnologiche e alcuni consigli specialistici. “I medici di base vogliono più che mai essere in grado di fornire le cure necessarie ai loro cittadini”, ha detto giovedì pomeriggio il presidente dell’FMOQ Louis Godin.

READ  Cambio di orario: quali sono gli effetti negativi sulla salute?

Il capo dell’opposizione ufficiale, Dominic Engled, ha denunciato una “operazione di marketing”. “Il disegno di legge non ha alcun obiettivo, nessun risultato e nessun obbligo, e quindi i quebecchesi non hanno alcuna garanzia di ottenere i servizi a cui hanno diritto”, ha detto giovedì.

Il vicesceriffo di Solidarnosc Vincent Marisal vede “un accenno al Grande Fratello” in Bill 11. “Sembra riflettere l’ossessione del ministro della salute per l’aritmetica della barra dei numeri molto più di quanto non faccia per la vera accessibilità dei pazienti in Quebec rispetto al Parlamento”, ha disse.

Anche il deputato PQ Joel Arsenault mette in dubbio ciò che il governo caustico sta perseguendo. “Vogliamo davvero aumentare le cure che i medici forniscono ai pazienti del Quebec o vogliamo assicurarci che i quebecchesi che hanno bisogno dei servizi di un medico possano ottenere un appuntamento entro 36 ore?”, ha chiesto.

Guarda il video