Luglio 5, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Salute: la riparazione è già in corso

Dall’inizio del prossimo anno accademico, il numero di studenti nelle scuole di medicina aumenterà del 20%. Entro la fine del mandato del governo, quel numero sarà semplicemente raddoppiato. Questo è il primo componente che verrà implementato tra pochi mesi. Se formati in questo modo, anche questi medici e infermieri di alto livello devono essere motivati. Sappiamo quanto siano attraenti i nostri ospedali, soprattutto nelle zone lontane dal centro. Questo è il motivo per cui il governo sta lavorando anche per migliorare il quadro e le condizioni di lavoro. Per soddisfare questa duplice sfida, il governo ha messo in atto un piano ambizioso volto ad aumentare il numero di studenti di medicina. Secondo il Presidente del Consiglio, che ha appena annunciato l’attuazione di questo programma a partire dal prossimo anno accademico, questa iniziativa rientra negli sforzi compiuti per colmare il divario delle risorse umane nel settore sanitario nel suo complesso.

Tale piano, come disposto dall’autorità esecutiva, prevede l’aumento del numero dei centri didattici destinati agli studenti delle facoltà di medicina, farmacia e odontoiatria, oltre all’estensione del quadro formativo per i corsi pratici alle strutture sanitarie regionali. Risorse umane, un nuovo quadro giuridico e, ovviamente, infrastrutture. In quest’ultimo aspetto, il governo intende dotare ogni distretto di un ospedale universitario.

Per raggiungere questi obiettivi quantitativi fissati dal governo, quest’ultimo intende fornire le risorse umane e finanziarie necessarie. In altre parole, il team di Akhannouch intende raddoppiare il numero di medici che hanno vinto le facoltà e tre che hanno vinto le scuole per infermiere. Tale piano consentirà quindi, nel medio termine, cioè entro il 2025, di superare il tasso di vigilanza di 23 direttori medici e paramedici ogni 10.000 abitanti.

Questo è anche il minimo stabilito dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) per soddisfare i bisogni della popolazione. Al di là di questo obiettivo, che resta un intermediario, il piano del governo punta a raggiungere gli obiettivi quantitativi del Nuovo Modello di Sviluppo entro il 2035, che ammontano a garantire 45 medici ogni 10.000 residenti.

Non c’è bisogno di ricordare, ed è un tema su cui insiste il governo, il ruolo centrale delle risorse umane nel successo di qualsiasi riforma del settore sanitario. Già nella situazione normale, la questione è decisiva. Diventa, per così dire, problematico in un contesto in cui ci troviamo caratterizzato dalla crescente emigrazione dei medici marocchini, dal fenomeno che interessa tra il 30-40% dei laureati in medicina marocchini e dal calo dell’attrattiva dei concorsi di reclutamento. Nel settore pubblico, squilibrio nella distribuzione regionale del personale medico e mancato raggiungimento dell’obiettivo di formare 3.300 medici all’anno entro il 2020.

Questi sono fattori che aggravano il problema per il quale è necessario trovare una soluzione. Naturalmente, il governo è consapevole di questo fatto, e soprattutto dello sforzo che deve essere fatto per affrontarlo. Il premier lunedì scorso ha indicato al Parlamento che questi indicatori potrebbero portare a una diminuzione del numero dei medici e quindi minacciare la capacità del Paese di migliorare l’accesso ai servizi sanitari. Ha anche affermato che questa situazione richiede la dovuta attenzione ai dirigenti del settore sanitario. Questo per garantire la qualità della loro formazione e riabilitazione a sostegno del progresso scientifico nei settori della cura e della prevenzione.

READ  Prenditi una pausa dai social media per migliorare la salute mentale

Tutto questo lavorando per superare il deficit cronico in molte discipline e professioni sanitarie, per soddisfare la crescente domanda di servizi sanitari, per tenere conto della giustizia regionale nella distribuzione geografica di queste risorse e per creare condizioni adeguate per il lavoro e la motivazione. Cantiere completo. Per raggiungere questo obiettivo, il governo intende innanzitutto condurre una revisione approfondita e completa del quadro giuridico relativo al sistema sanitario e all’erogazione delle cure. In questo senso, la Legge quadro 34-09, che sarà riformata, è la base per l’applicazione degli assi e dei principi moderni che regolano il sistema sanitario. In questo contesto, il disegno di legge sulle garanzie fondamentali delle risorse umane nelle professioni sanitarie costituisce un chiaro impegno della maggioranza e un’innovazione di governo che tiene conto delle peculiarità di questi lavori.

Questa legge, che terrà conto delle peculiarità dei vari gruppi attivi nel settore sanitario, cercherà di rafforzare le garanzie di tutela giuridica per i dipendenti pubblici e getterà le basi per un nuovo modo di lavorare in questo campo. Ciò avviene adottando un ulteriore sistema di incentivazione legato alla performance e dedicando un impegno alla formazione continua dei dipendenti di questo settore, che contribuisce a stimolare l’elemento umano e ad accrescere l’attrattività della salute pubblica. A questo proposito, il governo desidera adottare un approccio partecipativo che includa le diverse parti sociali prima dell’emanazione di questa legge. Naturalmente ciò sarà in linea con il principio dell’ascolto e dell’azione coordinata che il governo ha adottato fin dall’inizio della normativa su vari fascicoli e questioni importanti.

Inoltre, non va dimenticato anche che la profonda e reale riforma del settore sanitario dipende dallo sviluppo delle infrastrutture, garantendo la qualità e il miglioramento dei servizi delle strutture sanitarie a beneficio dei cittadini. Così come la giustizia sociale e territoriale in termini di accesso alle cure. Il governo, Ouad Aziz Akhannouch, lavorerà, in questa direzione, per riabilitare le strutture sanitarie per incarnare gli obiettivi di questa riforma, costruendo un centro ospedaliero universitario (CHU) in ciascuna regione in modo che sia una locomotiva regionale. strutture sane. Questo approccio è una priorità del governo per migliorare le prestazioni delle infrastrutture sanitarie locali, regionali e regionali. Inoltre, verranno modernizzati 1.400 centri sanitari locali. Per fare questo, il governo si dà un termine di 18 mesi. Il governo intende inoltre digitalizzare il sistema sanitario e collegarlo al sistema informatico del Fondo Nazionale di Previdenza Sociale (CNSS), con l’obiettivo di creare un sistema di tessera sanitaria digitale che consenta il follow-up del processo di cura. Dall’Azienda Sanitaria Locale all’Azienda Ospedaliera Universitaria.

READ  Salute: i casi di morbillo sono aumentati dell'80% dall'inizio dell'anno e l'Organizzazione Mondiale della Sanità è preoccupata

Al momento, l’AD è in procinto di finalizzare questo importante progetto digitale che doterà centri sanitari e ospedali di un sistema informatizzato. Tale sistema contribuirà a semplificare le procedure, a rendere più flessibile l’accesso dei cittadini ai servizi sanitari ea compiere un salto di qualità in ambito assistenziale adottando una cartella clinica per ciascun paziente. Il governo curerà inoltre lo sviluppo di un servizio di consulenza di telemedicina su tutto il territorio nazionale, in particolare nelle province senza sbocco sul mare. Ciò significa che questa riforma che aveva promesso all’inizio del suo mandato è già in corso oggi.

Lo stato di avanzamento delle risorse umane

C’è un urgente bisogno di risorse umane sentito dal settore pubblico, come sfida al successo del progetto di protezione sociale.

La carenza di risorse umane colpisce il personale medico e infermieristico. Il deficit in quest’area è di 32.000 per gli operatori sanitari e di 65.000 per gli infermieri.

Il settore della sanità pubblica attualmente impiega appena 47.000 dipendenti civili. La percentuale di femminilizzazione nel settore è del 63% e l’età media è di 41 anni.

Per ovviare a questa lacuna, il governo ha messo in atto il programma che il Sig. Akhannouch aveva appena annunciato davanti al Parlamento, che mira a ridurre gli anni di studio in medicina e a generalizzare i centri di formazione (collegi medici e istituti di cura) a tutte le regioni del Regno su alla base della mappa sanitaria, oltre a stimolare le risorse umane esistenti.

Inoltre, il Piano nazionale per la promozione della salute nelle aree rurali, varato dall’Esecutivo, riguarda 2.088 istituzioni sanitarie, oltre a 423 nascite, che rappresentano il 79% del totale della maternità a livello nazionale. Questo piano mira a mobilitare investimenti significativi per avvicinare i servizi sanitari alla popolazione delle aree rurali remote, con l’obiettivo di ampliare la copertura sanitaria in queste aree.

Tale piano si basa principalmente su tre assi principali relativi alla copertura sanitaria mobile, al sostegno alla copertura sanitaria fissa e alla partecipazione dei comuni nel campo della salute. In questo contesto, sarà riabilitata una rete di istituzioni di assistenza sanitaria primaria, che comprende 1.353 strutture, di cui oltre il 60% in aree rurali, oltre a mobilitare un budget di 850 milioni di AED all’anno in un determinato periodo di tempo. periodo di due anni.

READ  Combien de chevaux voyez-vous ? Risolvi il test psicologico incroyable in 10 secondi

Un’autorità sanitaria superiore, un’agenzia nazionale del farmaco e un’agenzia del sangue marocchina

A breve sarà istituita la Suprema Autorità sanitaria con l’obiettivo di garantire la continuità e la qualità della politica sanitaria nazionale. Questa istituzione strategica lavorerà per regolamentare la copertura medica obbligatoria e valutare l’efficacia dei servizi forniti da varie parti interessate nel settore pubblico e privato. La stessa struttura sarà responsabile dello sviluppo dei manuali di formazione e delle migliori pratiche in campo medico e garantirà l’uso e la distribuzione appropriati delle cure per gli utenti e gli operatori sanitari.

È probabile che questo organismo assicuri una reale continuità delle politiche sanitarie nazionali e la perpetuazione di grandi piani e progetti, oltre a garantire la convergenza e la complementarità tra la politica sanitaria e le tendenze generali in termini di circolazione e copertura sanitaria.

Inoltre, al fine di migliorare la governance della politica in materia di droga nel Regno, il governo si sta muovendo, nell’ambito della riforma strutturale del sistema sanitario, verso l’istituzione dell’Agenzia nazionale per i medicinali e i prodotti sanitari che avrà finanziamenti finanziari . e indipendenza amministrativa.

La missione di questa agenzia è supervisionare il processo di sviluppo della politica nazionale in materia di droga e contribuire alla sua attuazione, oltre a sostenere le trasformazioni e le sfide che sorgono in questo campo.

Il capo del governo ha affermato a questo proposito che è probabile che il consolidamento della sovranità farmaceutica del regno rafforzi la sicurezza sanitaria e garantisca un accesso equo ai farmaci e alle cure, aggiungendo che supportando la produzione e la produzione di medicinali generici, i cittadini potranno accedervi. Medicinali essenziali a prezzi accessibili. Akhannouch ha sottolineato il forte sostegno del governo al progetto di produzione di vaccini Covid-19 e altri vaccini, un progetto che consentirà “il rafforzamento della sovranità sui vaccini nel Regno e la disponibilità di quantità di vaccini. Africa”.

Inoltre, il governo sta lavorando per istituire quanto prima l’Agenzia del sangue marocchina, con l’obiettivo di raggiungere l’autosufficienza di derivati ​​del sangue necessari per salvare vite umane, viste le difficoltà incontrate dai centri trasfusionali in Marocco e. Questo tema è di vitale importanza per la salute dei cittadini, in un momento in cui la scorta strategica di sangue copre a malapena pochi giorni. Questa agenzia sarà responsabile dello sviluppo e dell’attuazione di una strategia nazionale per la fornitura di sangue e suoi derivati, il rilascio di licenze per la formazione di scorte di sangue nelle unità ospedaliere delle comunità regionali, lo sviluppo di attività diagnostiche e terapeutiche, come nonché garantire il rispetto degli standard relativi alla vigilanza durante la raccolta del sangue dai donatori.