Ottobre 1, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Salute: la proposta PCQ rischia di pagare dei costi, secondo un esperto

I conservatori vogliono consentire a tutti di sottoscrivere un’assicurazione complementare privata, che secondo loro dovrebbe ridurre le liste di attesa nel sistema pubblico. Un economista avverte che la misura potrebbe anche portare a forti pressioni sul bilancio sanitario.

• Leggi anche: La rete di asili nido “100% CPE” promette PQ

• Leggi anche: Elezione 2022: QS propone un mini-modello CPE

• Leggi anche: CAQ vuole scommettere su nuovi centri medici privati

Durante la presentazione degli impegni sanitari del PCC venerdì scorso, il candidato del partito in Argentina, Karim Al-Ayoubi, ha sottolineato che la creazione del regime della doppia assicurazione avrebbe molti vantaggi.

La possibilità di sottoscrivere un’assicurazione integrativa privata darà ai cittadini una maggiore “flessibilità” rispetto alla copertura generale, e consentirà così di soddisfare al meglio le sue esigenze perché “eterogenea”.

Il dottor Al-Ayoubi ha aggiunto che il regime della doppia assicurazione attirerebbe anche maggiori investimenti sanitari, poiché sarebbe “difficile” attrarre investitori privati ​​”con una compagnia di assicurazioni monopolistiche”.

Questa misura non solo minerebbe “l’universalità del sistema sanitario”, il PCQ ritiene che la migliorerebbe, riducendo i tempi di attesa per accedere alle cure.

Il funzionamento del sistema proposto da Eric Duhemy è stato brevemente spiegato nella piattaforma elettorale del suo partito.

Ogni cittadino può scegliere di usufruire delle coperture offerte dal proprio piano assicurativo, comprese le cure già coperte da RAMQ. Per le cure non coperte da tali piani speciali, o anche per i cittadini che non desiderano o non possono beneficiare di un piano speciale, lo Stato del Quebec continuerà ad offrire la copertura già a pagina 29 del documento.

READ  Insolito: secondo uno studio, mangiare con la bocca aperta fa bene alla salute

Troppo bello per essere vero?

“Di per sé, l’universalità non è in discussione, perché tutti possono sempre ricorrere a una quantità minima di servizio pubblico”, concorda Marie-Louise Leroux, economia sanitaria e professoressa all’UQAM.

Aggiunge immediatamente che la creazione di un doppio piano assicurativo rischia di complicare il processo e aumentare la pressione sul bilancio sanitario.

“Il problema con il finanziamento dei costi dei servizi privati ​​da parte della Régie de l’assurance maladie du Québec (RAMQ) è la deriva dei costi: i servizi privati ​​più costosi che fanno pagare di più perché sanno che RAMQ rimborserà tutto o lo spiegherà.

Pertanto, dovrebbero essere pianificate misure aggiuntive per evitare questa situazione difficile. Tuttavia, ciò richiede necessariamente tempo e risorse. “Sarà necessario mettere in atto un controllo molto rigoroso sui prezzi esercitati dal settore privato, e questo non è facile”, afferma il professore.