Febbraio 4, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Salute. I ricercatori hanno dimostrato che puoi davvero “prendere un raffreddore”!

“Copriti, ti prenderai un raffreddore!” Per molto tempo gli scienziati hanno accolto con scetticismo questo tipo di affermazione: ci hanno ricordato che non ci si ammala solo per il fatto di avere un raffreddore, senza alcun microbo.

E questo è sempre vero, ma… la temperatura gioca ancora un ruolo enorme, come spiega un team di ricercatori americani.

Fino ad ora, gli scienziati credevano che l’inizio di un raffreddore non potesse causare infezioni alle orecchie, raffreddori e altri mal di gola che aumentano in inverno. Ritenevano invece che la prevalenza di queste condizioni fosse favorita dalle condizioni di vita in pieno inverno, come i raduni al chiuso.

Il freddo stimola i virus e distrugge le mucose del naso

Secondo uno studio pubblicato il 6 dicembre sul Giornale di allergia e immunologia clinicaun team di ricercatori americani ha scoperto che è possibile “prendere un raffreddore”.

Molto concretamente, le mucose nasali sono una delle prime linee di difesa dell’organismo contro “l’attacco” virale. Ma quando respiriamo aria gelida, vengono neutralizzati, come se fossero anestetizzati dal freddo. Lascia così la porta aperta al virus, direttamente nel nostro sistema respiratorio. Questo è probabilmente anche il motivo per cui il numero di malattie otorinolaringoiatriche e/o respiratorie è particolarmente elevato in inverno. Tanto più che questi virus sono particolarmente attivi nella stagione fredda.

Questa scoperta non invalida il fatto che la malattia richieda l’infezione dell’agente patogeno, ma piuttosto la completa: il freddo ne favorisce l’ingresso nell’organismo. Nel dettaglio, spiega Clotilde Thierry a Le Monde, “tutte le cellule umane secernono minuscole perle”, che è oggetto di interesse dal 2012 Società internazionale top secret di sacchi extracellulari. Le “vescicole extracellulari” scoperte “a metà del XX secolo”, un gruppo “eterogeneo” le cui funzioni sono “estremamente diverse”: bidoni della spazzatura, messaggeri … e quindi difesa immunitaria.

READ  Macron chiede di riorganizzare il sistema sanitario soffocato - 01/06/2023 at 14:24

Ci sono queste particolarissime “palle” prodotte dalle cellule del naso, che sono preesistenti a qualsiasi infezione, e quindi fungono quasi da “barriera” fisica. Sono stati scoperti nel 2018 dai team della Harvard Medical School e della Northeastern University, quelli che hanno appena confermato che possiamo “prenderci un raffreddore”. In caso di infezione batterica, le cellule della mucosa nasale rilevano i patogeni e “emettono” miliardi di “vescicole extracellulari”, che circondano i batteri e proteggono le vie respiratorie.

Un “richiamo” biologico contro i virus

Di fronte al virus, il meccanismo scoperto è ancora più sorprendente: si tratta di un “richiamo”. Quindi le vescicole hanno recettori che sono come porte d’ingresso per i virus nelle cellule, e le “attaccano”… per liberarsene meglio.

Più esche hanno queste sacche, più possono sbarazzarsi dei virus nel muco prima che si attacchino alle cellule del naso e più prevengono l’infezione.

Di Huang, ricercatore e coautore dello studio

Queste vescicole contengono anche una molecola di RNA che svolge un ruolo antivirale. Ma…e il freddo? I ricercatori hanno condotto l’esperimento: abbassando la temperatura nasale di 5 gradi Celsius, la quantità di alveoli secreti dalle cellule nasali è diminuita di circa il 42%. Le proteine ​​antivirali presenti nelle vescicole erano alterate.

Questa nuova attività sembra confermare Cosa ha notato il team di Clotilde Thierry a fine 2020 mentre lavorava su Covid-19: Queste vescicole [avaient] Agisce come un’esca biologica, “impedendo al virus” di attaccarsi alle cellule e riducendo la sua capacità di infettare.

Pertanto, un raffreddore da solo non può farci ammalare. Ma favorendo i virus e indebolendo le prime difese immunitarie del corpo umano, facilita enormemente il loro ingresso nell’organismo.

READ  Riscaldamento globale: acque minacciose in aumento, piccola località turistica del Metaverso di Tuvalu