Agosto 12, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Salute/Ambiente. Anche la plastica riciclata contiene materiali tossici

Meno dannosa per il pianeta, la plastica riciclata ha una pressione migliore rispetto al suo cugino monouso. Tuttavia, può essere altrettanto pericoloso per la salute. Comunque questo conferma Uno studio pubblicato martedì dalla Rete internazionale per eliminare gli inquinanti (IPEN), che comprende 600 ONG in circa 100 paesi in tutto il mondo.

In un rapporto intitolato “Significant Chemical Pollution of Plastic Granules”, la rete ha rivelato che tutti i campioni di plastica riciclata raccolti dai suoi membri come parte di questo studio contenevano almeno un prodotto tossico, interferente endocrino o cancerogeno. spiegazioni.

Fattori pericolosi per i disturbi endocrini

Per studiare la tossicità della plastica riciclata, IPEN ha raccolto sacchi di granuli di polietilene ad alta densità da impianti di riciclaggio, una delle plastiche più utilizzate e riciclate oggi. I campioni sono stati raccolti da 24 piante in 23 paesi del mondo in America Latina, Asia, Europa e Africa.

I ricercatori volevano valutare la presenza di diversi additivi chimici, in particolare ritardanti di fiamma, e prodotti utilizzati nella plastica per ridurre il rischio di incendio. Hanno anche esaminato i ritardanti di fiamma bromurati, sospettati di interrompere il funzionamento delle ghiandole endocrine e di avere effetti dannosi sull’ambiente. Sono regolarmente utilizzati in apparecchiature elettriche e dispositivi elettronici.

È stata valutata anche la presenza di BPA nella plastica riciclata. Diversi studi hanno dimostrato il ruolo di questo prodotto in molteplici problemi di salute (riproduttivo, immunitario, neurologico, ecc.). Questa sostanza è anche accusata di influenzare il corretto sviluppo delle cellule cerebrali fetali.

Gli stabilizzatori alla luce UV, tra cui UV-328, che sono ora oggetto di una raccomandazione di divieto globale tramite la Convenzione di Stoccolma sugli inquinanti organici persistenti (POP), sono stati anche studiati dalla rete internazionale per eliminare gli inquinanti organici persistenti nella plastica riciclata. Sono nuovamente sospettati di essere interferenti endocrini.

READ  Corona Virus: i numeri dell'epidemia continuano a diminuire (Infografica)

Tutti i campioni contaminati

I campioni raccolti sono stati poi analizzati da IPEN presso l’Università di Chimica e Tecnologia di Praga, Repubblica Ceca. Giudizio finale:

Tutti i campioni (24) contenevano almeno un tipo di additivo chimico tossico e 21 campioni contenevano additivi da ciascuno dei tre gruppi testati. Solo un campione dal Vietnam conteneva un solo tipo di inquinante. Più della metà dei campioni conteneva 11 o più delle 18 sostanze chimiche tossiche analizzate.

Comunicato stampa IPEN

Il prodotto più comune è il Bisfenolo A (contiene il 92% di campioni riciclati). Tuttavia, quest’ultimo è vietato in molti paesi, tra cui la Francia, a causa dei suoi effetti dannosi sulla salute, in particolare sui bambini.

in un Questo martedì è stato rivelato anche un altro studioIPEN evidenzia la significativa tossicità dei granuli di plastica non riciclati utilizzati come base per la produzione di oggetti. I campioni raccolti dalle ONG hanno mostrato anche la presenza di molti agenti cancerogeni in questi granuli, che hanno un diametro di pochi millimetri. I risultati ottenuti sulla plastica riciclata indicano che “i prodotti tossici non vengono rimossi durante il riciclaggio della plastica ma vengono effettivamente trasferiti a nuovi prodotti”, osserva IPEN nel suo rapporto.

Ancora peggio: la presenza di nuovi prodotti tossici nella plastica riciclata e non prima, “Il processo di riciclaggio può generare nuove tossine”, si legge

Plastica riciclata “non circolare”

Una scoperta allarmante per la gravità delle sostanze tossiche scoperte. Soprattutto perché la plastica riciclata viene utilizzata in una varietà di cose, come i giocattoli. “Questi risultati sono preoccupanti per le potenziali implicazioni sulla salute per le popolazioni più vulnerabili, come i bambini”, afferma il rapporto.

READ  Manu Houdart nous fait aimer les maths dans un show drôle, instructif et participatif

Dal punto di vista dell’Istituto Internazionale per l’Eliminazione degli Inquinanti Organici Persistenti, lo studio condotto dimostra così che “le plastiche contenenti prodotti tossici non vanno riciclate ma vanno considerate non riciclabili”.

L’uso diffuso di additivi chimici tossici nella plastica rende gran parte dei rifiuti plastici riciclati una materia prima inaccettabile per la fabbricazione di nuovi prodotti. L’uso costante di additivi chimici tossici nella plastica rende la maggior parte delle materie plastiche oggi in uso “non circolare”.

Sarah Brushi, consulente scientifico della rete internazionale per l’eliminazione degli inquinanti organici persistenti e autrice del rapporto

La rete internazionale per l’eliminazione degli inquinanti organici persistenti offre diverse proposte per ridurre l’esposizione della popolazione a questi prodotti tossici. In particolare, la rete vuole “vietare l’uso di additivi chimici tossici nella plastica”, “eliminare gradualmente tutte le plastiche non cicliche” o addirittura costringere i produttori a “elencare gli ingredienti, compresi gli additivi, sui prodotti venduti”.

Perché per ora, “i prodotti in plastica non sono soggetti ad alcuna informazione o etichetta sugli scaffali dei negozi, quindi non c’è molto che le persone possano fare per proteggersi”, ha detto Griffins.