Agosto 15, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Salmonella alla fabbrica di Barry Callebaut: l’origine dell’inquinamento noto

Barry Callebaut ha stabilito, sulla base di un’indagine interna e di test di laboratori esterni e indipendenti, che un lotto di lecitina contaminata (materia prima, ndr) era la fonte della contaminazione da salmonella. Secondo l’Agenzia federale per la sicurezza della catena alimentare, l’azienda che produce questo lotto contaminato è un’azienda ungherese. È stato spostato nella fabbrica di Wieze da una società esterna. “Nessuno dei due nomi sarà rivelato perché le indagini sulla fonte della contaminazione sono in corso. Le nostre conclusioni sono state trasmesse ad Afsca nel quadro della nostra cooperazione trasparente e costruttiva con quest’ultima.Ha commentato Cornell Warlop, portavoce di Barry Callebaut.

Questo sviluppo è un passo importante per Barry Callebaut nella determinazione della responsabilità ultima di questo inquinamento.. “

Afsca, da parte sua, osserva che il lotto proviene da un produttore di lecitina di soia in Ungheria. Pertanto, l’agenzia ha inviato un avviso tramite il RASFF (Rapid Alert System for Food and Feed) europeo, secondo la sua portavoce Helen Ponty.

La produzione del produttore di cioccolato belga-svizzero si è interrotta giovedì scorso dopo che è stata rilevata la presenza di salmonella in un lotto. Tutte le barrette di cioccolato prodotte dopo sabato 25 giugno sono bandite immediatamente.

Ciò non ha impedito a Neuhaus, un cliente di Barry Callebaut, di dover sospendere la produzione e distruggere 80 tonnellate di cioccolato, ha affermato il CEO Ignace Van Doorselaere di DH.

>>Leggi anche: Salmonella nello stabilimento di Barry Callebaut a Wieze: “L’effetto è enorme”