Ottobre 3, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Salman Rushdie accoltellato nello Stato di New York e l’aggressore arrestato

Lo scrittore britannico Salman Rushdie è stato accoltellato sul palco venerdì in una conferenza nella parte occidentale di New York. Fu ferito al collo e portato in ospedale. L’aggressore è stato arrestato. Le sue condizioni sono ancora sconosciute in questo momento.

Tempo di lettura: 2 minuti

IlI media americani hanno riferito che lo scrittore Salman Rushdie è stato accoltellato sul palco nella parte occidentale dello Stato di New York venerdì. Stava per tenere una conferenza. Fu ferito al collo e portato in ospedale. L’aggressore è stato arrestato.

Un giornalista dell’Associated Press ha visto un uomo correre sul podio e pugnalare Salman Rushdie mentre si presentava. La polizia ha detto che l’aggressore è stato sottomesso e poi arrestato.

Salman Rushdie e l'équipe medica che lo trasportano.
Salman Rushdie e l’équipe medica che lo trasportano. – Agenzia di stampa Francia.

In contatto con l’Afp, la polizia della contea di Chautauqua, dove lo scrittore avrebbe dovuto parlare, ha confermato che una persona era stata accoltellata, senza identificare la vittima a questo punto.

AFP_32GF23D-1.retina.jpg

Scandalo ha dato fuoco al mondo islamico

Salman Rushdie, nato nel 1947 a Bombay, in India, due mesi prima della sua indipendenza dall’impero britannico, sta cercando di non trasformarsi nello scandalo della pubblicazione di “The Satanic Verses”, che ha incendiato il mondo musulmano e ha portato nel 1989 a un “fatwa” chiedendo il suo assassinio.

Mais l’actualité – la montée en puissance de l’islam radical – n’a cessé de le ramener à ce qu’il a toujours été aux yeux de l’Occident : le symbole de la lutte contre l’oscurantisme religieux et pour la libertà di espressione.

Nel 2005 considerava questa “fatwa” un precursore degli attacchi dell’11 settembre 2001.

AFP_32GF28N-1.retina.jpg

Da allora è stato costretto a vivere in un bunker e sotto la protezione della polizia, e si è spostato da un bunker all’altro, chiamandosi Joseph Anton, in onore dei suoi autori preferiti, Joseph Conrad e Anton Cechov. Deve affrontare un enorme isolamento che è aumentato dopo la separazione dalla moglie, la scrittrice americana Marianne Wiggins, alla quale ha dedicato i “Verses…”.



Stabilitosi a New York da alcuni anni, Salman Rushdie ha ripreso le sue sopracciglia arcuate, le palpebre pesanti, la testa calva, gli occhiali e la barba: una vita quasi normale mentre continua a sostenere il sarcasmo e il rispetto nei suoi libri.

READ  Sparatoria fatale di Alec Baldwin: l'indagine dell'FBI contraddice la versione dell'attore