Attualità EVIDENZA

Ryanair: cambia le regole del bagaglio a mano ed intanto punta ad Alitalia

bagaglio a mano

Potrebbe rivoluzionare (o addirittura destabilizzare) il nostro concetto di volo “fast” la decisione della compagnia irlandese di non permettere più di portare il secondo bagaglio a mano a bordo. Intanto l’ad O’Leary annuncia come pronta l’offerta vincolante per Alitalia rassicurando: “Puntiamo al lungo raggio, non la trasformeremo in low cost”.

Dal prossimo 1 novembre 2017 nessun secondo bagaglio a mano si potrà portare a bordo sui voli Ryanair.

La decisione sembra avere l’obiettivo di “eliminare i ritardi” durante gli imbarchi. Il talvolta eccessivo volume delle valigie che sono destinate alla cabina può creare problemi di sistemazione e spazio nelle cappelliere a bordo dei voli, con conseguenti ritardi nelle partenze.

I dettagli

Tutti i clienti che non avranno effettuato il “priority ticket” (acquistato a 5 euro al momento della prenotazione, oppure aggiunto alla prenotazione al costo di 6 euro ed è acquistabile fino ad un’ora prima della partenza del volo) avranno comunque la possibilità di vedere il proprio bagaglio a mano più grande collocato in stiva gratuitamente.
Ryanair ha aggiunto che solo i passeggeri con un “imbarco prioritario”, tra cui le tariffe Plus, Flexi Plus e Family Plus, potranno portare a bordo dell’aereo una seconda borsa più grande, sottolineando che il costo del check-in per le valige da stiva sarà ridotto da 35 euro a 25 euro, mentre il peso consentito della valigia da imbarcare passerà da 15 a 20 Kg.

Ryanair punta ad Alitalia

Ryanair presenterà un’offerta vincolante per l’acquisto di Alitalia entro la scadenza del 2 ottobre”, “ma solo sull’asset che riguarda il ‘lungo raggio'”.

Ad annunciarlo è l’ad di Ryanair, Michael O’Leary a Bologna. Secondo O’Leary “ci può essere un futuro molto positivo per il lungo raggio di Alitalia. Se un domani Alitalia entrasse nel perimetro del nostro gruppo continuerebbe ad essere una compagnia diversa da Ryanair, anzi sarebbe addirittura concorrente sul territorio italiano. Non vogliamo trasformarla in una compagnia low cost sussidiaria di Ryanair”.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: