Dicembre 1, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Rugby. L’italiana Ange Capuozzo ha vinto il titolo di Esposizione dell’anno. gioco

L’italiano Ange Capuozzo (23, 7 presenze) ha vinto il titolo di rivelazione maschile ai World Rugby Awards 2022 questa domenica. Da parte sua, Henry Arundel (Inghilterra), Mack Hansen (Irlanda) e Dan Sheehan (Irlanda) sono stati nominati in questa categoria.

Il giovane terzino, che ha esordito a Grenoble in Pro D2, è stato una delle rivelazioni degli ultimi 6 nazioni. Contro il Galles è stato autore di un exploit personale. Con gli italiani in svantaggio per 21-15 a Cardiff a solo 1,3 minuti dalla fine, Ange Capuzzo è partito da centrocampo, ha scavalcato la difesa gallese e ha battuto tre difensori. Dopo uno sfondamento dai 50 metri serve a Edoardo Padovani, autore della meta vincente, trasformata dal piede di Paolo Corbisi (21-22). La Squadra Azzurra ha poi firmato la sua prima vittoria nella competizione dal 2015 e una prima vittoria prestigiosa.

Abbiamo bloccato la visualizzazione di questo contenuto per rispettare le tue scelte sui cookie.
Facendo clic su “Consulta”, accetti il ​​deposito di cookie da parte di servizi di social network come Twitter.

Leggi di più. Top 14. Quattro cose da sapere sul nuovo fuoco fatuo di State Toulouse, Ange Capuzzo

Velocità e agganci, il suo marchio di fabbrica

Ange Capuzzo, arrivato sulle rive della Garonna nel 2022, ha deliziato i tifosi dello Stade Toulouse. Il primo test in solitaria è stato contro il Racing 92 (37-10) a fine settembre.

Sabato, nella partita di prova contro il Sudafrica, ha mostrato ancora una volta il suo ritmo e il suo supporto e ha segnato un’altra brillante meta.

Una settimana fa il XV italiano ha battuto per la prima volta nella sua storia l’Australia (28-27). Ogni volta, Ange Capuozzo era sull’erba.

Abbiamo bloccato la visualizzazione di questo contenuto per rispettare le tue scelte sui cookie.
Facendo clic su “Consulta”, accetti il ​​deposito di cookie da parte di servizi di social network come Twitter.

Tra le donne, la neozelandese Ruby Thuy (30), campionessa del mondo a novembre, ha vinto il titolo.