Febbraio 2, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Rosalía illumina la sfilata di Louis Vuitton a Parigi | persone

La pop star Rosalia ha dato fuoco alla sfilata di Louis Vuitton a Parigi giovedì in un colorato appartamento per bambini, rubando la scena alla collezione uomo realizzata dagli studi, visto che non c’è un successore di Virgil Abloh, morto a fine 2021.

Come un fantasma, vestita con un piumino e pantaloni oversize, vaga per le stanze prima di salire sul tetto dell’auto – un riferimento al suo album “Motomami” – e iniziare la sua esibizione. L’artista spagnolo si è fatto strada tra i manichini passeggiando in una parata caotica durante questa installazione, cantando, ballando o saltando sul letto. L’allestimento della sfilata, sulla Cour Carrée du Louvre, evoca l’appartamento di un ragazzino di colore apparso in un video all’inizio della sfilata. Un ragazzo sogna di viaggiare e creare.

Louis Vuitton è rimasta orfana del direttore artistico delle collezioni maschili, l’americano Virgil Abloh, uno dei pochi fashion designer neri, morto nel novembre 2021 e non ancora sostituito. Gli artisti hanno camminato e scarabocchiato sulle pareti del palco, mentre Rosalía ha alternato parti della canzone “Motomami”, che le è valsa il Latin Grammy per il miglior album l’anno scorso, con musiche di altri artisti.

Con un misto di flamenco, rap e pop, la trentenne cantante catalana è una delle cantanti più famose al mondo ed è nota per il suo talento in altri campi artistici come la moda o il cinema.


collettivo

In questo spirito multidisciplinare, caro a Virgil Abloh, Louis Vuitton ha affidato la collezione di questa stagione a un gruppo di creatori. Tra loro c’erano i cineasti Michel e Olivier Gondry, il designer Brahim Camara, che è stato recentemente nominato capo delle collezioni Off-White, o il fondatore del marchio KidSuper, Colm Dillane.
Per la terza volta dalla sua morte, molte delle persone coinvolte nella preparazione di questo spettacolo sono uscite per salutare il pubblico alla fine dello spettacolo.

Come il kick-off della sfilata, la collezione era ricchissima: completi casual in tutte le sfumature di grigio o bordeaux, stampe a pois (dots) sviluppate in collaborazione con l’artista giapponese Yayoi Kusama, bomber, outfit appariscenti…

Sacchi e borse sembravano pieni, alcuni pieni di carta. Ai piedi scarpe da ginnastica con grandi suole futuristiche e in testa copricapi ibridi tra berretto e visiera, berretti e sciarpe o caschi da pilota.

Agenzia Nazionale dei Porti / Agenzia per la Protezione dell'Ambiente

© ANP/EPA

Virgil Abloh festeggiato

Sono questi gli studi che hanno disegnato le collezioni maschili di Louis Vuitton dopo la morte di Virgil Abloh, lo stilista nero attento che ha respirato streetwear, rap e cultura NBA nella storica sede francese del gruppo LVMH. “Abloh ha gettato una luce molto forte sul mondo della moda maschile di Vuitton, giovane, afroamericano, nel suo approccio culturale”, ha detto ad AFP Arnaud Kadart, portfolio manager di Flornoy Ferri, a dicembre.

Gli studi sono “molto personale”, operando nello spirito di Virgil Abloh.(…) Vuitton può continuare su questa strada fintanto che non c’è nessun concorrente che lo spinga. “Non hanno urgente bisogno di qualcuno” che lo sostituisca, dice Benjamin Seminauer, professore al French Fashion Institute. Conclude: “Non abbiamo dimenticato Virgil Abloh, lo celebriamo ancora, il che è raro in un mondo della moda in cui tutto si muove così velocemente”.

Virgilio Abloh nel 2019

Virgilio Abloh nel 2019 ©Reuters