Gennaio 22, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Rocco Morabido, banda italiana in fuga dal 2019, è stato catturato in Brasile.

Il leader della mafia italiana Rocco Morabido, un trafficante di droga evaso da una prigione uruguaiana nel giugno 2019, è stato catturato lunedì nella città brasiliana di Joao Pessoa (nord-est), hanno detto le autorità.

Rocco Morabito, ritenuto il boss della Ndrangheta (mafia calabrese), è stato arrestato “insieme a un altro latitante italiano” e la sua identità non è stata rilasciata”, ha detto la Polizia Federale Brasiliana (PF) a seguito di un’indagine congiunta tra Brasile e Italia . In una dichiarazione. Domenica, ha detto, “una squadra di agenti di polizia italiani della sede dell’Interpol a Roma che ha partecipato alle indagini e ai carabinieri si è recata in Brasile con l’intenzione di effettuare un arresto”. Secondo FP è uno dei criminali più ricercati d’Italia.

Per saperne di più: “Se non lo vediamo, ‘Entrangata è in Svizzera’ ‘

“Ci sono tracce del coinvolgimento di Rocco Morabido nella regolamentazione del traffico di droga tra il Brasile e l’Europa dagli anni ’90”, ha spiegato PF, ha detto martedì in una conferenza stampa.

Perquisito dal 1995 da un giudice italiano

La Corte Suprema (STF) ha disposto l’arresto di un uomo di 54 anni oggetto del bando rosso dell’Interpol per aver fatto parte dell’organizzazione criminale dedita al traffico internazionale di droga dal 1988 al 1994.

Tra gli altri reati, è stato accusato di traffico di droga in Italia, vendita a Milano, e poi tentativo di importare 592 kg di cocaina dal Brasile nel 1992 e 630 kg nel 1993.

Rocco Morabito è ricercato dai tribunali italiani dal 1995, accusato di contatto illecito e traffico di droga, e condannato a 28 anni di carcere.

READ  Agli Australian Open, l'italiano Matteo Bertini si è qualificato con dolore

Per saperne di più: Rio ha la sua sanguinosa azione medicinale in una favela

“King of Cocaine” in esecuzione dal 2019

L’italiano, considerato uno dei dieci criminali più ricercati al mondo, è stato arrestato nel settembre 2017 in un hotel di Montevideo dopo aver vissuto per 13 anni sotto diversa identità a Punta del Estேயe, località turistica in Uruguay, a 140 km da la capitale. .

Nel 2004 ha ottenuto documenti uruguaiani che mostrano un passaporto brasiliano con il nome Francisco Cableto. È stato finalmente trovato dopo aver iscritto sua figlia al college sotto la sua vera identità. Il giudice uruguaiano ha approvato la sua espulsione in Italia nel 2018, ma nel giugno 2019 è riuscito a fuggire attraverso il suo tetto dal carcere centrale di Montevideo, dove da allora è fuggito.

Rocco Morabido è stato arrestato a Milano nel 1994, dove si è guadagnato il soprannome di “Re della cocaina”. Originario del villaggio di Calabria in Africa, è stato uno dei capi più importanti del clan “Africa Nou”.