Febbraio 8, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Roberto Martinez difende il record nonostante la delusione della Coppa del Mondo: “Tutte le mie decisioni erano giuste”

Questo fallimento era previsto? Per Het Laatste Nieuws, i catalani sono tornati senza mezzi termini a quest’ultima competizione. “Contro l’Egitto sapevo già che non eravamo pronti”È spiegare. “Niente stava andando per il verso giusto. Non eravamo equilibrati nel gioco. Non c’eravamo neanche psicologicamente”.

Per spiegare il fallimento ai Mondiali, lo spagnolo ci ha assicurato che i preparativi sono stati molto particolari. “Nel 2018 abbiamo avuto tre amichevoli per preparare la Coppa del Mondo. Qui non ci siamo potuti permettere questo lusso. Molti paesi hanno utilizzato le partite di gruppo come preparazione. È stato lo stesso, ad esempio, per la Germania o la Danimarca. Il prezzo era solo da pagare per un torneo in inverno.” .

Secondo lui, il Belgio ha bisogno di questi incontri per essere pronto a partecipare a questa competizione. “Nel 2018, quando sono salito in aeroporto, ho sentito che la squadra era pronta. Emotivamente e tatticamente. Ora ho avuto questa sensazione solo due giorni prima della partita contro la Croazia”.

Durante la competizione sono sorte alcune tensioni tra alcuni dirigenti. E il quotidiano L’Equipe ha confermato che si è verificata una lite tra i giocatori dopo aver perso la partita contro il Marocco. Informazioni che nega con veemenza. Tuttavia, ammette di aver avuto un ruolo. “Il gruppo doveva essere troppo vecchio o troppo lento. I giocatori non passavano minuti nei loro club… l’attenzione era sulla negatività. Anche le ‘notizie false’ hanno attirato l’attenzione”. Afferma di aver reso il suo gruppo “più forte”.

Per molti Roberto Martinez non ha preparato bene il passaggio generazionale. accuse che non condivide. “Dopo la Russia, abbiamo ampliato il nucleoLui continuò. “Ora abbiamo diverse opzioni in ogni posizione. Non era così quando sono arrivato. Tutte le decisioni che ho preso erano corrette”.

READ  "Lewis et moi ne nous satisferons pas d'un Top 5"

Anche Roberto Martinez ha voluto ringraziare tutti. Ha anche difeso il suo record. “Il Qatar è stato una delusione. Siamo stati i numeri uno al mondo per anni, hanno permesso a 25 nuovi volti di emergere e fondersi, molti giocatori si sono sviluppati… Abbiamo quasi otto giocatori con 100 presenze. Quando analizzo gli anni passati posso dormire sonni tranquilli. “